Mercoledì 22 Settembre 2021 | 23:48

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

centro storico

Via del Corso, parte
la riqualificazione

Da lunedì verrà rifatta la pavimentazione dell'area un nuovo cantiere

Via del Corso, parte la riqualificazione

di DONATO MASTRANGELO

Partiranno lunedì prossimo i lavori di riqualificazione urbana di via del Corso, via delle Beccherie, via San Francesco e Piazza del Sedile, comprese le arterie di collegamento tra le stesse e Vico Conche. L’annuncio è stato dato ieri dall’assessore ai Lavori Pubblici Michele Casino, in una conferenza stampa che si è svolta nella sala Mandela del Palazzo di Città alla presenza del presidente della Commissione consiliare Mario Morelli, dell’assessore al Patrimonio Antonella Prete, dei responsabili dell’impresa Edil Co srl di Matera che si è aggiudicata i lavori e del dirigente del settore Opere Pubbliche, ing. Sante Lomurno. L’intervento riguarderà in modo particolare il rifacimento della pavimentazione delle aree ad eccezione di Piazza del Sedile dove rimarrà l’attuale manto stradale.

«L’importo a base d’asta è di circa 2 milioni lordi di cui 1,6 per gli interventi e 360 mila per spese. Un grazie particolare va al progettista dell’intervento, l’architetto Sergio Lamacchia, al Responsabile unico del procedimento del Comune Giuseppe Gandi, al direttore dei lavori ing. Biagio Ferrara e all’impresa Edil Co che ha dato ampia disponibilità a superare difficoltà che potrebbero emergere nel corso dell’attività che riguarderà un’area importante del centro storico». La riqualificazione non andrà ad impattare sul regolare svolgimento delle attività commerciali. «I lavori - ha detto l’assessore Casino - verranno effettuati per step, in modo da non intervenire complessivamente». Nessuna ripercussione, inoltre, dovrebbe esserci anche sulla Festa del Bruna del 2 luglio.

«Lavoreremo per tronchi e, dunque, l’obiettivo è di realizzare anche quel tratto prima della festa. In caso contrario interverremmo su quel tratto in seconda battuta. In ogni caso, sono certo che i lavori saranno già conclusi in quel punto anche perché si è previsto anche di operare su doppi turni». Si procederà nella prima fase da piazza Vittorio Veneto fino alla traversa di via Del Corso e, in prossimità delle Poste si circolerà a doppio senso. Terminata la prima fase verrà allestita un’area di cantiere vicina al cantiere di piazza San Francesco. Successivamente si procederà all’intervento su via delle Beccherie e piazza Sedile. I tempi stimati per la realizzazione dell’intero rifacimento è di 360 giorni. Un totem posizionato in piazza Vittorio Veneto illustrerà l’avanzamento dei lavori. Sarà un intervento in armonia con l’architettura e i luoghi del centro storico.

«Laddove il selciato sarà modificato - ha precisato Casino - saranno riutilizzate, con una lavorazione di bocciardatura, le chianche esistenti mentre il materiale che andrà ad integrare la pavimentazione sarà la pietra naturale di Trani e Apricena. Saranno anche eliminati, dove presenti, i marciapiedi». Oltre alla pavimentazione saranno oggetto dei lavori anche le reti elettriche, idriche, fognarie e rete dati. Prevista anche la realizzazione di un impianto di videosorveglianza ed un itinerario per i non vedenti.

L’architetto Sergio Lamacchia ha spiegato che particolare attenzione verrà prestata «a ciò che è presente sotto il manto dei marciapiedi, con interventi di miglioramento, ad esempio, nella distribuzione del gas o quello elettrico che hanno ancora parti volanti. Verranno predisposte durante i lavori passerelle metalliche per garantire il passaggio pedonale e l’accesso alle attività commerciali. Uniformeremo l’impianto di pubblica illuminazione per renderlo organico a tutto il centro storico. Mi piace segnalare – ha aggiunto l’architetto Lamacchia – che particolare attenzione è stata riservata all’area antistante la ex Banca d’Italia e la Banca Popolare del Materano che oggi è destinato a parcheggio ma che in realtà ha caratteristica per dimensione e posizione, a diventare spazio-piazza per essere vissuto come piazza aggiuntiva a quelle del centro storico. L’idea è quella di re-distribuire i parcheggi esistenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie