Domenica 24 Marzo 2019 | 18:07

NEWS DALLA SEZIONE

Droga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
Tragedia sfiorata
Matera, la mongolfiera sbatte: feriti gli otto a bordo

Matera, la mongolfiera sbatte: feriti gli otto a bordo

 
Traffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
Per porto d'armi bianche
Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

Pisticci, coltelli e tirapugni nello zaino: denunciato 20enne

 
Beni culturali
Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

 
Un 59enne
Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

 
il «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
Infortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
Le dichiarazioni
Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

 
Nel Materano
Policoro, istituto falsificava diplomi di maturità: 21 persone indagate

Istituto falsificava diplomi di maturità nel Metapontino: 21 persone indagate

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari termina 0-0, biancorossi sempre più vicini alla C 
Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Scanzano Jonico

Il nostro cronista Mele dai pm
dopo l'avvertimento sotto casa

Sentito per un'ora e mezzo per individuare movente e possibili mandanti

Giornalista minacciato a Scanzano Jonico: «Non mi fermo, non ho paura di voi»

Filippo Mele con i carabinieri

Gli scontri avuti, anche sui social, con alcuni degli indagati, l’attività di testimonianza contro la criminalità, un messaggio contro i giornalisti partito da ambienti del Metapontino e circolato sui social proprio nelle ore in cui arrivava il plico minaccioso con la pallottola. E poi l’attenzione a documentare gli interessi della malavita sui locali di intrattenimento della costa, oggetto i un articolo scritto il giorno prima del messaggio minatorio.

Ieri il cronista della «Gazzetta del Mezzogiorno» Filippo Mele è stato sentito per circa un’ora e mezzo dal Pm antimafia di Potenza Annagloria Piccininni sull’episodio di intimidazione di cui è stato fatto oggetto dopo gli arresti per la «Gomorra Jonica». Mele era già stato sentito a verbale dai carabinieri, ma la Pm che segue il caso ha voluto approfondire alcuni elementi determinata a non lasciar cadere l’episodio.

Ai militari dell’Arma Mele aveva riferito di mettere in relazione l’episodio che lo aveva interessato con l’attività giornalistica sugli arresti e nell’ora e mezzo a colloquio col magistrato ha fornito tutti gli elementi che lo hanno portato a tale affermazione. A partire da un discussione avuta sui social con una delle persone poi finita sotto indagine sulla presenza della criminalità nell’area. Ma non c’è solo questo. Nella stanza del Pm al quarto piano del Palazzo di Giustizia di Potenza è stata approfondita anche la questione dei locali sulla costa attribuiti al clan. Era l’ultimo argomento di cui si era occupato, sulla Gazzetta, Mele prima dell’arrivo del messaggio minatorio. Forse un nervo scoperto, quello dei locali, o la goccia che ha fatto traboccare il vaso rispetto a un’attenzione costante al problema, manifestata con articoli (sia prima che dopo gli arresti) e con interventi pubblici. A Scanzano, il 5 ottobre, Mele aveva tenuto una relazione a un convegno ricostruendo, anche con immagini, le attività dei clan, denunciando i legami con la criminalità, rimarcando la necessità della presenza non solo dei Carabinieri (il cui ritorno è stato deciso) ma anche dell’Antimafia.

Un complesso di elementi che deve aver infastidito quel che resta dei clan al di fuori del carcere. E qui c’è anche un altro elemento maturato nelle stesse ore dell’arrivo del messaggio minatorio. Perché se il «messaggio», è stato recapitato intorno alle 20.30 (a quell’ora i vicini hanno sentito il rumore che avrebbe prodotto la rottura della tettoia sulla casa di Mele) poco dopo qualcuno ha segnalato una scritta apparsa sui social da qualcuno del metapontino che lanciava accuse di infamità ai giornalisti amici dei carabinieri. Un caso o una firma è tutto da dimostrare. Sicuramente, però, al momento una pista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400