Martedì 18 Dicembre 2018 | 14:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il report
Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

 
Per il tour estivo
Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

 
In manette un 22enne romeno
Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

 
L'inchiesta
Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

 
La storia
Casa Famiglia a Matera: da modello a contenitore abbandonato

Casa Famiglia: da modello a contenitore abbandonato

 
la fabbrica di jesce
Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

 
A Matera
Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

 
Occupazione
Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

 
l’indagine
Giovani lucani più social, più soli

Giovani lucani più social, più soli

 
estate 2019
Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

 
Turismo
Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

 

Proiettile sotto casa

Mafia del Metapontino, avviso al giornalista Filippo Mele

Danneggiato anche il tetto di casa: forse volevano appiccare al fuoco. Collabora con la Gazzetta da più di 15 anni

Mafia del Metapontino, avvisoal giornalista Filippo Mele

Il proiettile e la penna recapitati

Il collega Filippo Mele, collaboratore della nostra redazione di Matera, ha ricevuto una busta contenente un proiettile e una penna rossa presso la propria abitazione. Un messaggio intimidatorio ed inequivocabile legato essenzialmente all'attività svolta dal giornalista, che arriva a pochi giorni di distanza dal blitz nel Metapontino che ha smantellato tre clan criminali. Il collega Mele, che abita a Scanzano Jonico, ha scoperto la busta davanti al cancello esterno della sua abitazione: in formato A4, all'interno vi era un foglio bianco, una penna rossa e una cartuccia inesplosa. Filippo Mele ha chiamato i carabinieri che, dopo un sopralluogo, hanno scoperto un foro nella tettoia della sua abitazione con l'evidente finalità di appiccare, forse, un incendio. 

IL FORO NELLA TETTOIA

Mele, iscritto all'Ordine dei giornalisti da 33 anni, collabora con la Gazzetta da più di 15 anni. In prima linea nella cronache sulla criminalità che affligge il Metapontino, recentemente si è occupato del blitz che ha portato in carcere un bel po' di persone affiliate a tre clan, uno dei quali capeggiato da un ex carabiniere. Mele, in un articolo pubblicato alcuni giorni fa, aveva adombrato anche presunte collusioni con esponenti delle forze dell'ordine.

A stabilire la matrice dell'intimidazione saranno le indagini coordinate dalla procura di Matera. Numerose, al momento, le attestazioni di solidarietà giunte al nostro collega al quale ci associamo anche tutti noi della Gazzetta del Mezzogiorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400