Mercoledì 24 Luglio 2019 | 07:25

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
Il caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

Matera

Consorzio di bonifica, anche i morti al voto

Gli elenchi degli aventi diritto non sono stati aggiornati

Consorzio di bonifica, anche i morti al voto

MATERA - Nell’elenco degli aventi diritto al voto ci sono anche i morti, ma ciò è «ascrivibile al mancato aggiornamento dei dati dell’Agenzia delle Entrate e alla mancata richiesta di volturazione da parte degli aventi causa». Lo ha scritto il commissario dell’ente consortile, Giuseppe Musacchio, il quale, nel giorno delle elezioni per l’assemblea del Consorzio Unico di Basilicata, ha voluto precisare alcune cose.

«Le cause che possono determinare il non aggiornamento dei dati dell’Agenzia delle Entrate – ha aggiunto Musacchio – possono essere i trasferimenti intervenuti con scritture private né trascritte, né volturate; mancata presentazione di denunce di successione; mancata volturazione di atti; ritardo dell’inserimento delle volture da parte dell’Ufficio del Territorio. Il mancato aggiornamento delle titolarità sugli immobili, quindi, non può essere imputato al Consorzio. La contestata presenza nell’elenco degli aventi diritto al voto dei deceduti nasce dall’inattività, per così dire, dell’interessato che a monte non ha regolarizzato la propria titolarità di subentrante nella proprietà immobiliare, né ha provveduto a comunicare e documentare il subentro. Eventuali incongruenze possono essere rimediate con la pubblicazione della delibera che approva l’elenco degli aventi diritto al voto: l’interessato può chiedere l’inclusione del proprio nominativo dopo aver documentato il diritto di proprietà, o altro diritto reale di godimento, intervenuto. L’avente causa della ditta deceduta ancora riportata nell’elenco dei contribuenti, se interessato al voto, deve chiedere entro 30 giorni dalla pubblicazione delle ditte consorziate, l’aggiornamento della propria posizione. Il Consorzio, con delibera 53-18, ha approvato l’elenco degli aventi diritto al voto che, unitamente all’elenco, è stata oggetto di pubblicazione nell’Albo; della pubblicazione è stata data notizia ai consorziati anche mediante affissione di manifesti. Successivamente sono stati definiti i ricorsi pervenuti».

Musacchio ha sottolineato che «neanche dopo lo spirare del termine per presentare i ricorsi sono state registrate lamentele da parte di aventi causa». Sul rinvio delle elezioni, il commissario ha ricordato che «le organizzazioni agricole che lo invocano, fino alla esclusione delle loro liste giammai hanno lamentato difficoltà interpretative e/o applicative della normativa, mai censurata durante l’iter di approvazione della legge di riforma. Aderire alle richieste di annullamento e/o rinvio avrebbe significato violare palesemente la normativa di riferimento e far venir meno il principio essenziale di una moderna democrazia, ovvero la certezza del diritto».

Fabbris ha risposto definendo «reticenti» le dichiarazioni di Musacchio. «Il commissario – spiega – conferma e spiega bene perché le elezioni sono nulle. Conferma che le liste sono piene di morti e false, perché non depurate da quanti non sono in regola sui pagamenti. Dunque, ci dà ragione nel merito, ma tenta lo scaricabarile sostenendo che sarebbe colpa di quelli che sono morti se stanno ancora in lista o al massimo di altri enti, ma la legge istitutiva del Consorzio lo obbliga a tenere il catasto interno aggiornato. Nulla dice su chi dovrebbe garantire il controllo delle deleghe, di chi è in regola con i pagamenti e, in generale, sulla correttezza delle procedure», così come sul fatto che, «essendo il Consorzio un ente nuovo, nessuno ha debiti e, dunque, non può limitare il diritto al voto. Soprattutto, nulla dice sulla sua nomina a rappresentante della Regione nell’assemblea che oggi si dovrebbe eleggere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie