Venerdì 19 Luglio 2019 | 20:25

NEWS DALLA SEZIONE

Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Nuova mensa dei poveri
sarà un luogo di incontro

nel quartiere di piccianello Presentato il progetto ispirato al vicinato dei Rioni Sassi

Nuova mensa dei poveri sarà un luogo di incontro

di Donato Mastrangelo

La nuova mensa dei poveri “Don Giovanni Mele” non sarà soltanto un punto di ristoro per le persone disagiate ma anche un luogo di incontro, un centro di aggregazione al servizio del quartiere di Piccianello e dell’intera comunità. Ieri mattina nel Salone degli Stemmi della Curia è stato ufficialmente presentato il progetto da parte dell’associazione don Giovanni Mele e della Caritas Diocesana. La struttura, come è noto, sorgerà in via delle Cererie in un’area di proprietà ex Alsia che dopo un iter piuttosto faticoso, la Regione Basilicata ha provveduto a trasferire nella disponibilità del Comune che, a sua volta ha ceduto alla onlus. In occasione della presentazione sono intervenuti l’arcivescovo di Matera - Irsina mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Anna Maria Cammisa presidente della onlus Don Mele e direttore della Caritas Diocesana, Giulia Mele sorella di don Giovanni Mele, Antonella Guida docente Unibas e coordinatrice del Corso di Studi in Architettura, Antonello Pagliuca docente Unibas e responsabile dell’Accordo Quadro, l’architetto progettista Mauro Saìto, il vice sindaco e assessore all’Urbanistica Nicola Trombetta, l’assessore regionale alle Politiche di Sviluppo Roberto Cifarelli. «L’associazione don Giovanni Mele - ha evidenziato l’architetto Guida - ha stipulato un accordo quadro con il Dicem dell’Unibas per la consulenza tecnico-scientifica per l’intero iter progettuale e realizzativo dell’opera». La progettazione dell’edificio risale al maggio 2016 quando la onlus don Mele in collaborazione con il Corso di Studi in Architettura del Dicem, il Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Unibas, ha bandito un concorso di idee riservato ai giovani laureandi all’interno del Laboratorio coordinato dal prof. Antonio Conte per la realizzazione della nuova mensa. Il primo premio è stato aggiudicato al progetto intitolato “Ritorno alla domesticità: lo scavo, la cellula, il vicinato” redatto dagli studenti Anna Rosa Carucci, Rosa Infantino, Ilaria Itta e Antonio Stante.

Il progetto della nuova mensa, che sarà eseguito dalla Cogem, prevede un nuovo spazio all’aperto per tutto il quartiere, una piazza pedonale leggermente sopraelevata alla quale si accede da una scalinata che diventa essa stessa luogo di incontro e di sosta, su cui sono disposti tre volumi primari la cui forma rimanda all’idea della “casa”, riuniti intorno ad uno spazio collettivo che rievoca il vicinato dei Sassi. Tre case caratterizzano il complesso: due di forma e dimensioni identiche realizzate la pietra del luogo e l’altra più piccola in vetro, quasi una “lanterna urbana” che segnala già a chi arriva da lontana la presenza di questo luogo di accoglienza. Le due case nella piazza pedonale ospitano un centro sociale e residente di prima accoglienza. Nel terzo volume è collocata una piccola cappella. La capienza della nuova mensa è di circa 120 posti e il costo stimato delle opere è di un milione e 500 mila euro. «La nuova mensa sarà anche un punto di aggregazione e di comunione - ha detto mons. Caiazzo. È un progetto al quale la comunità materana tiene tanto nel segno di don Mele». «Buona parte dell’opera - ha sottolineano Cammisa - sarà possibile grazie alla generosità della famiglia Egidio Tamburrino. Ci sono altri sostegni privati». L’iban per sostenere l’associazione onlus don Giovanni Mele, causale Costruzione Nuova Mensa dei Poveri è: IT15W0760116100000003977414.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie