Mercoledì 29 Settembre 2021 | 04:50

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Dalla Polizia

Gallipoli, case fantasma e truffe
on line: denunciate 5 persone

Scoperti cinque casi di chi si arricchiva approfittando di ignari turisti e di finti annunci sul web

gallipoli

Cinque persone sono state denunciate dal commissariato di Polizia di Gallipoli per truffe on line legate all'affitto (fasullo) di case vacanza attraverso annunci farlocchi sulle bacheche on line.La tecnica è sempre la stessa: belle foto per ingannare il malcapitato di turno, poi la caparra e alla fine il padrone di casa sparisce dalla circolazione.

Questo è quanto accaduto lo scorso mese di agosto a una comitiva proveniente dalla provincia di Frosinone che giungendo in località Baia Verde si era subito accorta di aver subito una truffa dal momento che quell’appartamento non esisteva affatto e che l’inserzionista si era reso irreperibile dopo aver intascato una caparra di 500 euro circa. Solo a conclusione di una lunga e articolata indagine, gli agenti sono riusciti a identificare il truffatore, un 26enne della provincia di Caserta che aveva agito sotto falso nome, inserendo, tra l’altro, credenziali fittizie nel portale del sito di annunci on line.

Altro caso più o meno analogo è quello che ha riguardato un turista romano che nello scorso mese di agosto scorso aveva raccontato alla polizia di aver selezionato un B&B nella zona di Lido San Giovanni a Gallipoli, versando, con bonifico bancario, un acconto di 350 euro circa a titolo di caparra a un truffatore che avrebbe dovuto percepire il saldo davanti l’appartamento convenuto. Questo non si è verificato poiché il truffatore, come nel primo caso, ha fatto perdere le proprie tracce, salvo però essere ugualmente individuato dalla polizia, a conclusione di una complessa indagine. Si tratta di un uomo di 53enne con numerosi precedenti penali, anch’esso della provincia di Caserta, che dovrà ora rispondere del reato di truffa a mezzo informatico.

Nel terzo caso, una donna con il concorso del proprio figlio, entrambi della provincia di Napoli, hanno ingannato un uomo di Gallipoli che aveva pensato di acquistare una scheda elettronica selezionandola su una delle più conosciute bacheche on line. L’acquirente, credendo di concludere un buon affare, si era prima fatto illustrare per bene le caratteristiche dell’oggetto e dopo aver concordato le condizioni di vendita, aveva inviato 255 euro sulla carta postepay dei venditori. La vittima si era accorta del raggiro solo quando non si è mai vista recapitare l’oggetto e non era più riuscita a entrare in contatto con i venditori.

Infine, una donna rumena di 44 anni, ma residente a Roma, è stata denunciata per truffa e sostituzione di persona, al termine di una complessa indagine che ha coinvolto istituti bancari e postali, gestori di telefonia, uffici comunali e altri organi di Polizia. Gli accertamenti compiuti hanno permesso di risalire alla donna straniera in quanto destinataria di cospicue somme di denaro sottratte a ignari titolari di carte prepagate attraverso il metodo del c.d. “phishing” , la truffa informatica che si realizza con l’invio a pioggia di mail fraudolente, recanti i loghi contraffatti di taluni istituti di credito. In questo caso l’utente aveva incautamente inserito i propri dati personali e bancari nei campi del falso sito, determinando inconsapevolmente la sottrazione di circa 600 euro dal proprio conto prepagato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie