Lunedì 21 Gennaio 2019 | 08:09

NEWS DALLA SEZIONE

Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 

Decisione del Tar

Lecce, i giudici «bocciano»
camera ardente in condomino

Le «case del Commiato» non sono semplici negozi e non si possono realizzare in palazzi cittadini senza il consenso di tutti i condomini

Lecce, i giudici «bocciano»camera ardente in condomino

Le «case del Commiato», vere e proprie camere ardenti, non sono semplici negozi e non si possono realizzare in palazzi cittadini senza il consenso di tutti i condomini. Lo ha stabilito la sezione di Lecce del Tar di Puglia che ha respinto la richiesta di sospensiva formulata da un imprenditore che si era visto negare l’approvazione del progetto per l’apertura di una Casa del commiato da parte del Comune di Maglie.

Si tratta di strutture destinate ad ospitare le salme prima del funerale, per consentire il cordoglio e l’estremo saluto a chi non abbia una adeguata disponibilità di conservazione ed onoranza nella propria abitazione privata o abbia necessità di organizzare cerimonie di commiato laiche o di religioni diverse. In questo caso, il progetto prevedeva l’apertura della struttura in pieno centro abitato e nelle immediate vicinanze anche di scuole, bar e ristoranti, al piano terra di un immobile al cui primo piano abita una persona.

Dopo il diniego da parte del Comune di Maglie, l’imprenditore aveva presentato ricorso al Tar Lecce che ha dato ragione alle controparti, il proprietario dell’immobile al primo piano dello stesso edificio, difeso dagli avvocati Francesco Romano e Leonardo Maruotti, e il Comune di Maglie, difeso dall’avvocato Paola Montagna.

Secondo i giudici amministrativi «l'attività richiesta dalla società ricorrente è, a tutti gli effetti, un’attività funeraria da realizzarsi all’interno del centro abitato e non una semplice attività commerciale», ed è «necessario acquisire il consenso del controinteressato che, quale proprietario di una porzione dello stabile interessato, doveva essere interpellato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400