Venerdì 30 Settembre 2022 | 19:08

In Puglia e Basilicata

Turismo culturale

Lecce: boom per l’ascensore del campanile del Duomo

Lecce, il Campanile del Duomo

Paolo Babbo, presidente di Artwork: «I visitatori delle chiese pari a quelli del 2021»

12 Agosto 2022

Emanuela Tommasi

LECCE - «I visitatori delle chiese in città sono stati pari a quelli dell’anno scorso, dunque più di quelli del 2019». Paolo Babbo, presidente di Artwork - la cooperativa che, attraverso il progetto LeccEcclesiae, coordina, da tre anni, i flussi turistici nelle chiese barocche più importanti della città, nel Museo diocesano di arte sacra e, dal 13 maggio scorso, anche sul campanile del Duomo attraverso uno straordinario ascensore panoramico - aggiunge i dati a sua disposizione a quelli offerti nei giorni scorsi dagli addetti all’accoglienza. Questi ultimi parlano di un calo delle presenze dei turisti in città e nel Salento.

«Abbiamo venduto un numero di biglietti equivalenti all’anno scorso - fa sapere il presidente Babbo, più del 2019. L’unico “buco nero” è stato il 2020». Parliamo di 150mila visitatori all’anno, centomila nel periodo estivo. «Stiamo vedendo molte famiglie, italiane e straniere» aggiunge Babbo.

Ma il «richiamo» dell’estate 2022 è l’ascensore per il campanile del Duomo. «Registriamo un vero e proprio boom - dice il presidente di Artwork - Si sta rivelando l’attrattore più importante. Ci sono persone che vengono a Lecce solo per salire sul campanile. L’altro giorno, alle 3 del pomeriggio, dunque sotto il sole cocente e con quasi 40 gradi, è salita una famiglia di francesi, con due bambini, tutti entusiasti». Fino ad oggi, da quando l’ascensore è stato attivato - dunque meno di tre mesi - sono salite oltre 15mila persone.

«Per il successo dal punto di vista turistico - sostiene Babbo - ritengo fondamentale il ruolo della valorizzazione della cultura del territorio. Se, per esempio, al concertone della Taranta a Melpignano ci sono duecentomila persone è perchè tutto nasce dalla cultura».

Proprio con iniziative culturali Artwork sta collaborando con la Diocesi alla programmazione delle manifestazioni per le festività patronali, soprattutto in occasione della chiusura del Giubileo oronziano.

Giovedì, 18 agosto, alle 20.30, in Cattedrale il concerto per organo e fagotto in collaborazione con il Conservatorio, dal titolo «Le sonorità ricercate ” a cura dei maestri Antonio Rizzato (organo ) e Giuseppe Spedicati (fagotto).

Lunedì 22 agosto, alle 19.30, nel chiostro dell’antico seminario, si terrà la presentazione di «Lecce Sacra» a cura di Mario Cazzato, una ristampa anastatica dell’opera del 1634 di Giulio Cesare Infantino. Martedì 23 agosto alle 19.30, sempre nel chiostro, «Pietra preziosa», il vernissage della mostra fotografica di Bruno Barillari.

Giovedì 25 alle 20.30, nel stesso chiostro, la rappresentazione «Il creato parla e il potere si racconta», un reading teatrale sui temi dell’enciclica di Papa Francesco «Laudato si’», opera di Maria Francesca Mariano messa in scena dalla compagnia Témenos Recinti teatrali, con l’introduzione di Elsa Valeria Mignone, procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale.
Venerdì 26 agosto, infine, dalle 20 alle 15 e dalle 17 alle 21, in piazza Duomo, annullo filatelico a cura di Poste Italiane per la chiusura del Giubileo oronziano; dalle 21 alle 24, invece, nel chiostro del seminario, il video mapping realizzato da ArtWork, progetto vincitore del bando Co-operarte della Cei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725