Domenica 20 Giugno 2021 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

il giallo
Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

 
Il fatto
Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

 
La tragedia
Lecce, incidente mortale sulla 274 che collega Gallipoli a Santa Maria di Leuca.

Lecce, incidente mortale sulla 274 che collega Gallipoli a Santa Maria di Leuca.

 
Ambiente
Finalmente libere 12 tartarughe salvate dagli operatori del Centro di Calimera

Finalmente libere 12 tartarughe salvate dagli operatori del Centro di Calimera

 
Il blitz
Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

 
La tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
Il progetto
Lecce, nasce l’Accademia della Carità una mano tesa ai più deboli

Lecce, nasce l’Accademia della Carità una mano tesa ai più deboli

 
Paura in paese

Galatone, incendio in camera da letto: un ustionato

 
Formazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 
sangue sulle strade
Incidente sulla Nardò Avetrana, morto un motociclista

Incidente sulla Nardò Avetrana, morto un motociclista

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila protesta
Bari, discoteca a cielo aperto nel quartiere Umbertino

Bari, discoteca a cielo aperto nel quartiere Umbertino

 
BrindisiIl personaggio
Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

 
Lecceil giallo
Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

L'operazione

Lecce, finanzieri arrestano due latitanti albanesi

Accusati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti

Lecce, finanzieri arrestano due latitanti albanesi

Lecce - Martedì 1 giugno, i militari del G.I.C.O. del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Lecce, nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei traffici illeciti nel territorio salentino, hanno tratto in arresto due latitanti: H. J., detto “Juli”, nato in Albania il 31.10.1987 e K. I. detto “Endri”, nato in Albania il 03.05.1987, sfuggiti ad una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania, per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

L’arresto è frutto della vigile attività di prevenzione dei militari del Comando Provinciale di Lecce che, in occasione di un controllo, fermata l’autovettura sulla quale viaggiavano i due latitanti lungo una delle principali vie della città di Scorrano, si sono insospettiti per via dell’atteggiamento irrequieto manifestato da uno di loro.

Gli uomini, alla richiesta di fornire le proprie generalità, hanno esibito due passaporti albanesi, ma i finanzieri del G.I.C.O. non si sono fatti ingannare dalla buona fattura dei documenti e hanno deciso di approfondire il controllo. Infatti, nel corso della successiva perquisizione degli effetti personali e della vettura, sono emerse altre due carte di identità albanesi con le medesime foto dei fermati, ma con generalità differenti.

I due uomini sono quindi stati accompagnati in caserma dai militari che hanno accertato le loro esatte identità mediante l’esame delle impronte digitali. La comparazione dei dati biometrici non ha lasciato adito a dubbi, i due erano ricercati per traffico internazionale di stupefacenti nell’ambito della recente operazione «COCORITO» della D.D.A. di Catania, condotta dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza etnea, ed erano fuggiti dall’isola per sottrarsi alla cattura.

È stato anche individuato il nascondiglio dei due fuggitivi in un “B&B” ubicato nelle campagne circostanti il paese di Scorrano ed accertato, a seguito di una accurata perquisizione, che entrambi erano in procinto di far perdere le loro tracce utilizzando i documenti falsi di cui erano in possesso per riparare nel Paese delle Aquile.

I due latitanti, tratti in arresto, sono stati condotti presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie