Lunedì 08 Marzo 2021 | 14:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

 
8 marzo
«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

 
L'intervista
8 marzo, parla Simona Filoni: «Finché ci saranno femminicidi non si potrà festeggiare»

8 marzo, parla Simona Filoni: «Finché ci saranno femminicidi non si potrà festeggiare»

 
covid 19
Oncologico di Lecce, gli infetti continuano a aumentare: preoccupa il focolaio

Oncologico di Lecce, gli infetti continuano a aumentare: preoccupa il focolaio

 
La nomina
Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

 
Il caso
Covid a Lecce, aggredisce poliziotti durante controlli anti assembramento: arrestato

Covid a Lecce, aggredisce poliziotti durante controlli anti assembramento: arrestato

 
Polemica sull'evento di moda
Copertino, la denuncia del parroco: «Quel défilé di intimo in chiesa è blasfemo»

Copertino, la denuncia del parroco: «Quel défilé di intimo in chiesa è blasfemo»

 
Dia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
La curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
il festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
Economia
Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, polizia e Guardia Costiera scoprono bomba, armi e droga: un arresto

Taranto, polizia e Guardia Costiera scoprono bomba, armi e droga: un arresto

 
PotenzaIl bollettino regionale
Covid in Basilicata, i dati del weekend: su 1880 tamponi di cui 180 positivi, 2 morti

Covid in Basilicata, i dati del weekend: su 1880 tamponi 180 nuovi positivi, 2 morti

 
GdM.TVCovid 19
Bari, caos al San Paolo: pronto soccorso preso d'assalto: ambulanze ferme con pazienti positivi a bordo

Bari, caos al San Paolo: pronto soccorso preso d'assalto: ambulanze ferme con pazienti positivi a bordo

 
LecceIl caso
Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

Leuca, a bordo di una barca a vela sbarcano 112 migranti: sono famiglie con 31 bambini

 
FoggiaIl blitz
Foggia, droga fino all'Abruzzo: smantellato narcotraffico: 9 arresti

Foggia, droga fino all'Abruzzo: smantellato narcotraffico, 9 arresti

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

Il caso

Rifiuti speciali sotterrati in una cava a pochi passi da Lecce: Procura pronta all'ispezione

L'esposto sul tavolo dei Carabinieri del Noe: ecco la testimonianza

Rifiuti speciali sotterrati in una cava a pochi passi da Lecce: Procura pronta all'ispezione

Ha visto molto, se non tutto.
La voce incerta di chi teme ripercussioni, lo sguardo lungo dell’esperienza, il polso della situazione. Mario - nome di fantasia, ndr - è un testimone di quanto sarebbe accaduto circa quattro mesi fa in località «Barba», lungo la strada tra Villa Convento e Lecce, dove qualcuno avrebbe fatto interrare rifiuti speciali a nove metri dalla falda acquifera, come riporta un esposto al vaglio della procura di Lecce e dei carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico, cui spetta il compito di verificare parola per parola quanto messo nero su bianco.
«Una sequela di travi in cemento, le traverse ferroviarie di ultima generazione per intenderci, messe una accanto all’altra sullo spiazzo di una cava - racconta Mario - e poi coperte con materiale estrattivo o qualcosa del genere».
Ipotesi tutte al vaglio degli investigatori così come sotto la lente sono finite le fotografie, pubblicate già nei giorni socrsi su La Gazzetta in cui si vedono caterpillar e camion in azione, traverse allineate una accanto all’altra, e un grosso cono di diversi metri cubi di «fresato», come viene chiamato l’asfalto scarificato che può essere riutilizzato sì, ma in tempi immediatamente successivi al deposito temporaneo del materiale.

«Quel fresato è lì da tempo, da mesi credo. Era lì quando ho notato che sparivano le traverse, in estate. Poteva essere luglio o agosto. Un lavoro fatto a puntate, pian piano forse per non dare nell’occhio. Del resto se c’è una cava, chi si accorge di quello che accade all’interno? Dalla strada è un po’ difficile scoprire a occhio nudo…».
Ma l’occhio di Mario, e probabilmente non solo il suo, ha visto.
«L’asfalto fresato è all’esterno, si può trovare la scusa che sia depositato all’esterno per mancanza che ne so di spazio, e che sarà recuperato e riutilizzato subito dopo. Ma ci sono discariche autorizzate per questo genere di materiale e non mi pare che una cava lo sia. Io ci sono passato diverse volte da lì, quell’enorme cono nero non si è mai spostato. Certo poi non rischi più di tanto, ti rendi conto che sta accadendo qualcosa che non quadra, c’è gente che lavora e ti possono vedere. Io ho paura, insomma…».

Ma cos’altro è riuscito a scorgere, Mario?
«Le traverse so che vanno sbriciolate, il cemento se è certificato si può riciclare, il ferro va ai punti di raccolta dedicati. Sono operazioni che costano assai, lo sanno tutti. Mi sa che proprio per quell’area c’era una ditta esterna che ha lavorato per poco tempo, proprio per sbriciolare quel materiale ma adesso non si vede più nulla».
Conosce il territorio, la zona, il testimone. Diviso tra senso civico e timore.
«Accanto al cono nero di fresato c’è un cono bianco, ai cui piedi c’erano le traverse. In momenti diversi le ho viste caricare, scaricare e poi scomparire…».
I carabinieri erano stati sul posto cinque anni fa, in seguito alle denunce di alcuni cittadini. Effettuarono un sopralluogo nella stessa zona sottoponendo a sequestro preventivo parte della stessa area di cui si parla in queste ore. Quattro anni fa, la chiusura dell’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti in loco, coordinata dal pm Paola Guglielmi. Al vaglio dell’accusa, la possibile produzione, e poi stoccaggio e smaltimento di rifiuti pericolosi e no, fino all’anno precedente. Gli investigatori chiesero anche il sequestro totale dell’area privata interessata, ma ottennero quello parziale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie