Martedì 17 Settembre 2019 | 18:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
La tragedia
Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga

Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga
Conducente era drogato

 
indagine nel Leccese
Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

 
Il progetto
«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

 
L'allarme
Gallipoli senza turisti e senza residenti: centro storico verso la desertificazione

Gallipoli senza turisti né residenti: centro storico verso la desertificazione

 
L'inchiesta
Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

 
All'Ecotekne
Lecce, principio di incendio nella facoltà di Giurisprudenza: nessun ferito

Lecce, principio di incendio a Giurisprudenza: nessun ferito

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'iniziativa
Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
FoggiaSerie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

L'inchiesta

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

I quattro giovanissimi risponderanno di stalking, la ragazza anche di lesioni personali

bullismo

Deriso, sbeffeggiato e picchiato da quattro compagni di scuola, fra cui anche una ragazza.

Un vero e proprio incubo, per un 15enne del Basso Salento che alla fine è stato costretto a cambiare istituto per ritrovare un po’ di pace e serenità.

Adesso, però, la vicenda è arrivata all’attenzione della Procura per i minorenni.

Nei giorni scorsi il pubblico ministero Imerio Tramis ha firmato la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di quattro giovanissimi: tutti di età compresa fra 15 e 16 anni. Tre di loro rispondono di stalking, mentre la ragazza di lesioni personali: sarebbe stata proprio lei la responsabile di una brutale aggressione nei confronti della presunta vittima.

Ma andiamo con ordine.

I fatti oggetto dell’inchiesta si riferiscono all’ottobre dello scorso anno.

Pare che il 15enne sarebbe stato subito preso di mira da alcuni compagni, forse a causa di un carattere un po’ timido e riservato.

Prima semplici sfottò, poi scherzi e bravate, come ad esempio lanciargli contro palline di carta e sporcargli il giubotto e la maglietta con l’inchiostro di una penna senza punta che gli era stata infilata dietro la schiena.

Infine, il tentativo di isolarlo escludendolo alla chat di WhatsApp creata dai compagni di classe. Una volta entrato nel gruppo, però, sarebbe stato deriso con frasi del tipo: «Ci ete quistu lurdu».

Infine, l’episodio più grave che risale al 4 ottobre 2018.

All’interno della scuola, una compagna di 16 anni lo avrebbe picchiato, colpendolo con schiaffi, pugni e calci.

Ma le indelebili ferite nell’animo del ragazzo gli hanno causato una sofferenza ben più grande di quella fisica.

Una sofferenza nascosta, che ha tenuto per sè, senza confidarsi con nessuno.

Solo per caso il padre, forse grazie alla segnalazione di una studentessa, è poi venuto a sapere dell’aggressione subita dal figlio. A quel punto il genitore accompagnò il ragazzo al pronto soccorso dell’ospedale Gallipoli, dove i medici gli diagnosticarono una contusione al ginocchio destro, stato d’ansia e graffi sul collo, giudicate guaribili in cinque giorni.

Successivamente è stata presentata una dettagliata denuncia alla stazione dei carabinieri, che di conseguenza ha fatto scattare l’inchiesta.

Il triste racconto del ragazzo è stato poi confermato da un’altra compagna di classe e da altre persone sentite dagli uomini dell’Arma come informate dei fatti.

L’adolescente ha poi messo a disposizione degli investigatori il suo telefono cellulare, che ha consentito ai carabinieri di raccogliere ulteriori prove.

Così la Procura dei minorenni ha condotto le indagini, fino ad arrivare all’identificazione dei quattro presunti bulli.

L’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 16 dicembre davanti al gup Ada Colluto.

I genitori del ragazzo sono assistiti dall’avvocato Vincenzo Venneri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie