Lunedì 09 Dicembre 2019 | 11:23

NEWS DALLA SEZIONE

nel Salento
Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

 
L'analisi
Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

 
Il caso
Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

 
Il provvedimento
Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

 
L'indagine
Taviano, bimbo scomparso nel 1977: si cercano i resti in un pozzo

Taviano, bimbo scomparso nel 1977: si cercano i resti in un pozzo

 
Sanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
Il verdetto
Gallipoli, «furbetto del cartellino» in ospedale: condannato a un anno e 11 mesi

Gallipoli, «furbetto del cartellino» in ospedale: condannato a un anno e 11 mesi

 
Operazione della Polizia
Gallipoli, scoperta fabbrica abusiva fuochi d'artificio: arrestati padre e figlio

Gallipoli, scoperta fabbrica abusiva fuochi d'artificio: arrestati padre e figlio

 
Il giallo»
Carmiano, «scompare» il presepe davanti al Comune sciolto per mafia

Carmiano, «scompare» il presepe davanti al Comune sciolto per mafia

 
Operazione dei Cc
Lecce, banda di rom svaligiava le case: due arresti anche a Napoli

Lecce, banda di rom svaligiava le case: due arresti anche a Napoli

 
Ad Alezio
Gallipoli, i cartapestai traslocano e il Carnevale è salvo

Gallipoli, i cartapestai traslocano e il Carnevale è salvo

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccenel Salento
Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
PotenzaLa tragedia
Scivola e cadendo parte un colpo dal suo fucile. Muore un cacciatore

Forenza, scivola e gli parte un colpo dal fucile: muore cacciatore

 
BariLa cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
HomeIl siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

L'emergenza

Xylella in Salento, espiantati migliaia di alberi: rigenerazione al via

L’esempio dei fratelli Matteo e Ettore Congedi, nell’agro di Ugento

xylella

Un albero di ulivo abbattuto a causa della xylella fastidiosa

LECCE - “Nessun disastro o desertificazione ma solo la fase due della rigenerazione”. Gli olivicoltori salentini stremati dalla piaga della Xylella fastidiosa che ha distrutto gli olivi sono alle prese in questi giorni con le prime operazioni di eradicazione degli alberi malati e seccati, in vista della sostituzione delle piante con altre maggiormente resistenti o intolleranti al batterio che ha già raggiunto il capoluogo regionale di Bari. Davanti ai loro occhi non vedono un territorio che si va impoverendo per la sottrazione di esemplari spesso secolari ma una distesa di terreni che attende solo di essere rinverdita con piante che possano dare un prodotto di qualità.

I fratelli Matteo e Ettore Congedi nell’agro di Ugento si sono tirati su le maniche dopo aver ereditato l’azienda del bisnonno e anziché vendere tutto ed emigrare hanno deciso di indebitarsi pur di far rivivere quegli stessi terreni in cui da ragazzi avevano imparato le tecniche di coltivazione e l’attività molitoria. Nelle contrade “Bufalaria” e “Artanisi” ci sono 50 ettari di uliveto con alberi ormai diventati scheletri che attendono di essere espiantati per lasciare il posto a leccini e esemplari di favolosa. “Su questi 50 ettari – spiega Matteo Congedi – ci sono circa 3mila piante che dovranno essere espiantate e su quelle stesse aree abbiamo in animo di reimpiantare tra le 35mila e le 40 mila nuove piante, sia di leccino, che rappresenta la varietà autoctona maggiormente resistente a Xylella, che di favolosa, in modo da avere impianti economicamente sostenibili. Non possiamo parlare di desertificazione alla sola vista degli alberi che vengono estirpati – commenta – ma solo di una fase di transizione che porterà a un nuovo rinverdimento dei terreni. Si tratta di una vera e propria fase due di ripartenza territoriale che, unita al miglioramento delle tecniche olivicole porterà sicuramente alla raccolta di un prodotto eccellente”.
Gli sforzi degli olivicoltori in questi mesi sono enormi, così come quelli dei frantoiani che hanno deciso di resistere senza vendere i macchinari.
“Noi avevamo investito in nuove e miglior tecnologie nel frantoio – illustra ancora uno dei fratelli Congedi – abbiamo rapporti commerciali in almeno 20 paesi esteri e in questo periodo di profonda crisi per l’assenza del prodotto avevamo installato vari depositi di raccolta in tutta la Puglia, dal tarantino fino a Sannicandro di Bari. Ovviamente – ammette – questi spostamenti comportano un enorme impegno finanziario e di concerto con mio fratello abbiamo deciso che la migliore prospettiva sarebbe stata quella di ripartire proprio dal nostro territorio salentino, rinnovando gli oliveti. Speriamo di farcela entro un anno, 18 mesi al massimo – è il suo auspicio – come impresa abbiamo partecipato a due bandi di finanziamento ma ancora non ci sono le graduatorie definitive, intanto sappiamo già che occorrerà spendere tra 10 e 11 mila euro per ettaro per i nuovi impianti completi di strutture per l’irrigazione, con punte di 13mila dove ci sono parti rocciose”.

Problema non secondario l’accumulo di legna. “Al momento per rientrare nei costi la legna deve essere venduta non meno di 6 euro e 50 centesimi al quintale – analizza Matto Congedi – siamo solo al due per cento del territorio infetto espiantato e quando inizieranno a farlo anche gli altri ci sarà un surplus con enorme accumulo di materiale”. L’iniziativa di espianto è stata condotta anche da un altro olivicoltore ugentino, Renato Congedi titolare dell’oleificio “Terra nostra”. Ha iniziato con quattro ettari in località “Cisterna del serpe” accanto alla strada per Gemini per 1500 piante già estirparte. Ha terminato le operazioni venerdì scorso e ne dovrà sradicare un totale di 26 ettari entro i prossimi sei anni. qui altri 1500 alberi secolari sono pronti per essere estirpati. “No ho chiesto un centesimo a nessuno – ammette Renato Congedi – ho iniziato con le mie forze perché era impossibile continuare a mantenere gli alberi ormai morti. L’obiettivo è invece quello di rinverdire i territori e tornare a produrre. Il comparto – chiede - non deve essere subire freni o rallentamenti se vogliamo far ripartire l’economia olivicola”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie