Mercoledì 22 Maggio 2019 | 03:35

NEWS DALLA SEZIONE

Ingenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
La visita
Salvini a Lecce, striscione: «Benvenuto in terra accoglienza». Firmerà patto sicurezza urbana con Emiliano

Salvini a Lecce: «Benvenuto in terra accoglienza». Ma non mancano le proteste VIDEO

 
Il sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
Ambiente
Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

 
Verso il voto
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro Identificati 8 presunti autori Salvini: «Vergogna»

 
L'episodio
Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

 
Il giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 
La nomina
Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

 
A Copertino
Accompagnava bulgare in campagna per a prostituirsi: arrestato 46enne rumeno in Salento

Accompagnava bulgare in campagna a prostituirsi: arrestato 46enne in Salento

 
A Lecce
Le tolgono apparato riproduttore, ma non aveva tumore: denuncia

Le tolgono apparato riproduttore, ma non aveva tumore: denuncia

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Il caso nel Leccese

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Sono state trovate due microspie, in punti strategici per ascoltare conversazioni e segreti della popolazione

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

I segreti della sagrestia finivano in piazza dopo pochi minuti. Non una, ma molte volte. E nessuno di quanti frequentano un posto riservato per antonomasia riusciva a darsi una spiegazione. È successo a Nardò, popoloso centro del Salento, qualche mese addietro. Nessuno riusciva a trovare un motivo razionale, e però sembrava blasfemo far fare alla fantasia un volo pindarico e passare dalla fede religiosa alle credenze nei fantasmi per giustificare un fatto assolutamente incredibile. Incredibile anche dal punto di vista della tempistica.
Perchè le notizie, per passare dalle stanze chiuse della chiesa di San Domenico ai tavoli dei bar ci mettevano pochi minuti. Un fatto mai accaduto. Qualcosa di strano c’era, qualcosa di troppo strano.
Così, i frequentatori della sagrestia - gli aderenti alle confraternite di San Luigi e delle Rosariane - hanno pensato a creare una notizia ad arte, praticamente un’esca: una notizia talmente inverosimile - una vera e propria fake news - sul conto di un insospettabile, alla quale nessuno avrebbe potuto credere.
L’idea è riuscita: chi doveva, ha abboccato e in men che non si dica, quelle dicerie erano diventate di dominio pubblico.

A quel punto era chiaro: le pareti avevano le orecchie e pure la bocca. Qualcuno ha pensato a chiamare un esorcista. Ma, prima di scomodare il soprannaturale, è stato interpellato un investigatore esperto al quale è bastato poco per trovare non una ma due microspie. Una era nascosta dietro la cassetta per la raccolta delle offerte; l’altra in un vecchio mobile.
«Cimici» in chiesa? Non s’era mai visto. E per ascoltare cosa? Quali segreti si possono nascondere alle spalle dell’altare?
A quel punto è cominciata una girandola di interrogativi, sospetti, ipotesi, culminate - non poteva essere diversamente - con una denuncia. I carabinieri hanno acquisito tutto il materiale ritrovato e predisposto una corposa istruttoria, consegnata alla Procura della Repubblica. Ora toccherà agli inquirenti risalire allo «spione», e capire il movente del reato. Chi voleva carpire segreti? E, soprattutto, quali segreti? Quali trame potevano passare in quel luogo sacro? Roba da pruderie casalinga o alte faccende diplomatiche?


L’immaginazione si spreca.
Tra l’altro, c’è un altro aspetto increscioso nella misteriosa vicenda. Lo 007 ha notato che nella sagrestia c’è pure il confessionale. Dunque, chi ha carpito informazioni che dovevano rimanere nella riservatezza della chiesa, potrebbe aver ascoltato anche le ammissioni più intime dei fedeli. Un fatto esecrabile, condannabile dagli uomini e da Dio.
Giusto per la cronaca, le microspie in questione non sono gioiellini tecnologici sofisticati ma apparecchietti «made in China» che si possono trovare in un qualsiasi emporio sotto casa. I modelli migliori costano una ventina di euro, dunque alla portata di chiunque abbia intenzione di ficcare il naso - e le orecchie - negli affari altrui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400