Sabato 19 Gennaio 2019 | 15:04

NEWS DALLA SEZIONE

A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 

Nel Leccese

Tenta di stuprare donna a Porto Selvaggio e fugge, individuato

L'uomo - che i carabinieri stanno rintracciando - ha circa 35 anni e turbe psichiche. La 50enne aggredita è riuscita a farlo scappare colpendolo con un manubrio da allenamento

Tenta di stuprare donna a Porto Selvaggio e fugge, individuato

Indagine lampo. È stato già individuato l’uomo che si è reso protagonista di un tentato stupro, nella pineta di Portoselvaggio, ai danni di una cinquantenne di Nardò. La sua identità è nota ma per ora non è stato rintracciato; gli investigatori potrebbero raggiungerlo già nella giornata di oggi. La donna è riuscita a sfuggire alla violenza da parte dell’uomo, sabato intorno a mezzogiorno, reagendo con decisione, urlando e colpendolo più volte con i due manubri di metallo che stava usando per l’allenamento nel parco. Si tratterebbe di una persona con disturbi psichici, che già in passato avrebbe messo in atto azioni simili. Per questo motivo l’identikit fornito dalla donna, alla quale sono rimaste impresse le fattezze dell’uomo visto in volto per pochissimi istanti, è stato preziosissimo: alto circa un metro e ottanta, magro e dell’apparente età di 35 anni. Tanto è bastato per inquadrarlo nel database della polizia che ha chiuso il cerchio intorno ad un uomo della zona, evidentemente già noto.


L’episodio si è verificato lungo la strada che si dipana dall’ingresso di Villa Tafuri e scende fino alla baia principale del parco. Un percorso non molto frequentato da persone a piedi ma prediletto dai ciclisti. Il fattaccio si è verificato lì, intorno alle 12.30. La donna, dopo aver respinto l’assalto alle spalle, è stata scaraventata a terra e minacciata dall’uomo con un pugno chiuso, gesto con il quale le intimava di non gridare. Dopo l’accaduto e il grosso spavento, la signora ha anche avuto la forza di mettere in guardia le altre donne di Nardò: con un post sul suo profilo social ha voluto avvisare tutte dell’accaduto, mettendo in guardia altre persone sui rischi che si corrono a restare isolate nel parco. Parole di preoccupazione, ma lucide e ferme, con una minuziosa descrizione di quanto le era appena accaduto.

A questo punto, però, gli episodi si stanno moltiplicando di pari passo con la fama e la notorietà dell’area protetta. Sta alle istituzioni ed ai gestori del parco di individuare misure di controllo e monitoraggio (come accade in altre zone protette d’Italia) per garantire sicurezza anche e soprattutto in bassa stagione quando la presenza rarefatta di visitatori non garantisce standard minimi di tranquillità. Già in passato esibizionisti e mitomani hanno importunato ragazze, signore e giovani coppie. L’ultimo episodio risale al marzo scorso quando un esibizionista venne preso a pietre da alcune agguerrite signore che passeggiavano in gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400