Mercoledì 26 Giugno 2019 | 21:49

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
L'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune
Il sindaco: «Nessun patto elettorale con clan»

 
Tribunale di Potenza
Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

 
In salento
Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

 
L'emergenza
Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

 
Omicidio
Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide un’anziana

Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide anziana nella stanza da letto

 
L'emergenza
Lecce, caos liste d'attesa: una colonscopia? Nel 2021

Lecce, caos liste d'attesa: una colonscopia? Nel 2021

 
L’operazione dei cc
Mafia a Lecce, sgominato clan emergente: 30 arresti. Indagato anche un sindaco

Lecce, sgominato clan: 30 arresti. Indagato sindaco di Scorrano: «Promise appalti a mafiosi»

 
Nel Salento
Gallipoli, crollo in chiesa, matrimonio dirottato

Gallipoli, crollo in chiesa, matrimonio dirottato

 
Dai Cc
Due rapine a Squinzano e Surbo, preso un 40enne dopo inseguimento

Due rapine a Squinzano e Surbo, preso un 40enne dopo inseguimento

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
BariA Japigia
Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

 
FoggiaLa tragedia
Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

 
Potenza Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude»E intanto parte il Cig per 1400 operai

Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, il 6 settembre si chiude».
Di Maio: no a ricatti. Salvini: no chiusura

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Il giallo

Svolta sul caso del dj salentino impiccato: forse è stato ucciso

Secondo il consulente Lazzari si tratterebbe di omicidio: «Forse prima è stato strangolato, poi c'è stata una simulazione di suicidio»

Dj salentino impiccato, indagata la pm

LECCE - Ivan Ciullo, in arte 'Navi', il 34enne dj salentino trovato impiccato il 22 giugno 2015 ad un ulivo nelle campagne di Acquarica del Capo, potrebbe essere stato ucciso. E’ l’esito della consulenza compiuta dall’esperto in criminalità forense Roberto Lazzari, su incarico dei genitori della vittima, e consegnata in queste ore alla Procura di Lecce dal legale della famiglia, Francesca Conte. Per il criminologo salentino, Ivan non si sarebbe impiccato, ma sarebbe morto strangolato e poi l’assassino avrebbe simulato il suicidio.

L’indagine scientifica eseguita mediante sopralluoghi, prove tensiometriche, analisi dei dati fotografici, dei fascicoli d’indagine, di analisi di laboratorio e diagnostica autoptica, mette in evidenza - secondo il criminologo - una serie di incongruenze nonché «di lacune investigative e negligenze operative». Tra i dati che - sempre secondo le indagini di Lazzari - smentirebbero il suicidio come causa di morte, le tracce di suole di diversa tipologia trovate vicino al cadavere, l'assenza di segni o tracce di calzature sulla base in pelle dello sgabello sul quale la vittima sarebbe salita prima di impiccarsi, e soprattutto l’ecchimosi sulla base del collo ritenuta incompatibile col cavo microfonico usato per l'impiccagione e riconducibile ad un laccio avvolgente in senso orizzontale, di dimensioni più piccole. Questo elemento e le ipostasi sul corpo «in posizioni incompatibili con la dinamica suicidaria», sarebbero per il consulente «segni indicativi di un’altra modalità di morte».

Il gip di Lecce Vincenzo Brancato sta decidendo in questi giorni sulla seconda richiesta di archiviazione del caso presentata dalla Procura di Lecce alla quale si sono opposti i genitori di Ivan Ciullo che hanno denunciato presso la Procura di Potenza (competente a trattare i procedimenti che coinvolgono magistrati in servizio presso la Corte d’appello di Lecce) la pm titolare dell’indagine Carmen Ruggiero, che è indagata per omissione di atti d’ufficio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie