Giovedì 24 Gennaio 2019 | 03:18

NEWS DALLA SEZIONE

Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 

La fusione

Puglia, Presicce e Acquarica Capo diventano un unico comune

Si tratta - informa una nota della Regione Puglia - della prima fusione di comuni in Puglia dopo il varo della la legge «Delrio» del 2014 che incentiva le fusioni tra enti comunali

Puglia, Presicce e Acquarica Capo diventano un unico comune

LECCE - La Giunta regionale pugliese ha approvato oggi uno schema di disegno di legge per istituire il nuovo Comune di Presicce-Acquarica, in provincia di Lecce. Si tratta - informa una nota della Regione Puglia - della prima fusione di comuni in Puglia dopo il varo della la legge «Delrio» del 2014 che incentiva le fusioni tra enti comunali.

I consigli comunali dei due comuni hanno già approvato l'aggregazione intercomunale e ora toccherà al Consiglio regionale sancirla, se ci sarà un esito positivo del referendum consultivo che sarà indetto.

Il progetto della fusione dei due comuni del Basso Salento ha l'obiettivo di conseguire economie di scala nella gestione dei servizi erogati ai cittadini; di migliorare la performance complessiva rispetto a quanto fatto dai due comuni singoli; di accrescere il «peso politico» del territorio; di conseguire i benefici statali e regionali, utili o persino necessari per il conseguimento di molti degli obiettivi che gli organi d’indirizzo e di governo del nuovo ente locale territoriale si prefiggeranno. 

«I due Comuni sono infatti convinti - si legge nel comunicato - che il modello organizzativo fondato sull'organizzazione monadica» della cosa pubblica fosse un’esperienza da mettersi alle spalle poiché poco efficiente, poco efficace e scarsamente economica e non più in linea con i tempi correnti, anche a causa dei tagli lineari ai trasferimenti erariali che da anni il sistema delle autonomie locali territoriali subisce». I minori trasferimenti da parte dello Stato ai comuni, che devono chiudere in pareggio il bilancio, producono "l'inevitabile conseguenza della riduzione dei servizi e/o dell’aumento della pressione tributaria a carico dei cittadini e del sistema delle imprese (nel periodo di tempo 2010-2018, il comune di Presicce ha dovuto subire una riduzione dei trasferimenti erariali, pari a 589.870 euro, mentre il comune di Acquarica del Capo di un importo pari a 436.063 euro, per un ammontare complessivo di 1.025.933, euro)».

A questa situazione, in gran parte insostenibile, gli organi politico-amministrativi dei suddetti comuni hanno risposto con "il tentativo di darsi un nuovo modello organizzativo di natura aggregativa, basato sull'integrazione delle risorse umane, finanziarie, strumentali, territoriali dei singoli comuni che è fortemente incentivato, non soltanto dal punto di vista finanziario, da parte dello Stato, ma anche dalla Regione Puglia». La legge di bilancio 2018, aumentando il contributo statale ai comuni nati da fusione (passa dal 50% al 60% dei trasferimenti erariali 2010) consentirebbe infatti al nuovo comune unico di beneficiare di un trasferimento annuale massimo concedibile da parte dello Stato, pari a 1.776.086 euro e di 17.760.867 euro in dieci anni, poiché la legge fissa in dieci anni il periodo di tempo all’interno del quale viene sostenuta finanziariamente ogni singola fusione di comuni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400