Sabato 19 Gennaio 2019 | 02:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 

caccia a oltre 250 evasori

Strutture ricettive sul web
ma sconosciute al fisco

Strutture ricettive sul web ma sconosciute al fisco

Presenti su Tripadvisor e a caccia di recensioni positive ma invisibili per il Comune che, invece, dà la caccia alla preziosa tassa di soggiorno. Sono in consegna, in questi giorni nell’intero territorio di Porto Cesareo e Torre Lapillo, oltre 250 avvisi bonari indirizzati alle strutture ricettive presenti sui portali immobiliari ma non ancora censite nella banca dati comunale dell’imposta di soggiorno. L’amministrazione comunale guidata da Salvatore Albano invita le strutture destinatarie degli avvisi, nell’ottica dello spirito di collaborazione, di presentarsi presso gli uffici comunali al fine di regolarizzare la propria posizione ed evitare così conseguenze più gravi.

Dal regolamento del municipio cesarino si apprende che le categorie maggiormente interessate sono affittacamere, alloggi agrituristici, bed & breakfast, case e appartamenti vacanze, residenze turistiche e residence, case per ferie. Tutte quelle, cioè, per le quali ogni ospite è tenuto a versare, fino ad un massimo di sette giorni, un euro al giorno. I conti, dunque, sono presto fatti: prendendo in esame solo i mesi di luglio ed agosto e moltiplicando per 250 (considerando solo una stanza utile per struttura ricettiva; ma, ovviamente, i posti letto potrebbero essere tanti di più) i tre o quattro euro quotidiani non versati da una famiglia di composizione “standard”, si scopre che il Comune perde l’introito di almeno 60mila euro.

Senza considerare quanto è stato evaso in passato, son davvero tanti soldi. L’onere della segnalazione ricade interamente sul gestore della struttura ricettiva che, entro 48 ore dalla consegna dell’alloggio, ha l’obbligo della segnalazione del numero degli ospiti. Una regola che sfugge alla maggioranza dei gestori di strutture a conduzione familiare e di piccola dimensione. Ma, come si è visto anche nella vicina Nardò, le amministrazioni comunali si attrezzano andando a «spiare», soprattutto sui portali che offrono case vacanza e sui siti di recensioni, chi offre ospitalità. E, spesso, la recensione rivela non solo come si è stati trattati ma anche il periodo di permanenza ed i servizi offerti dall’attività ricettiva. [b.v.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400