Giovedì 06 Ottobre 2022 | 21:30

In Puglia e Basilicata

Salento

Gallipoli, litoranea ancora chiusa. Il sindaco: «Colpa della pioggia»

Gallipoli, litoranea ancora chiusaIl sindaco: «Colpa della pioggia»

Un'immagine del nostro reportage

Doveva essere pronta il 1 giugno, poi a metà mese, ora ancora un altro rinvio

16 Giugno 2018

Giuseppe Albahari

GALLIPOLI«L’apertura del tratto di litoranea ristrutturato slitta di qualche giorno. Il motivo è da ricondurre alle condizioni meteorologiche caratterizzate dalla forte pioggia che non ha consentito di eseguire le opere di consolidamento del manto stradale. Si tratta della posa in opera della resina necessaria per l’ulteriore rifinitura del materiale stabilizzato, per il cui impiego duraturo sono necessarie adeguate condizioni dello sterrato».

E’ quanto ha dichiarato il indaco Stefano Minerva, al quale la Gazzetta ha chiesto di fare il punto sull’agognata apertura della nuova litoranea. La pavimentazione stradale, per altro, è una delle soluzioni progettuali - l’altra è quella delle lucine «segnapassi» - sulle quali è appuntata l’attenzione dei fruitori.

Soluzioni, va sottolineato, che sono rese obbligate dalla natura del finanziamento. I lavori, infatti, sono sì di riqualificazione, ma nell’ottica specifica della «rinaturalizzazione». Tale «lettura» dell’opera traspare dalle piazzuole di sosta pavimentate con conci di tufo a secco, dalle aiuole che saranno piantumate con specie vegetali autoctone e dalla sede stradale. Lo «sterrato stabilizzato» risponde al requisito di assicurare il drenaggio, ma è ritenuto carrabile se il transito sarà limitato, come previsto, ai mezzi di soccorso e pronto intervento.

La vigilanza sul rispetto della normativa compete alla Soprintendenza ai beni ambientali. Dalla quale proviene l’altra, anzidetta problematica: quella dell’illuminazione in un’area protetta che è anche sito d’interesse comunitario. L’amministrazione comunale aveva, in un primo momento, bloccato l’esecuzione delle lucine che, a distanza di 5 metri l’una dall’altra, disegnano il bordo della sede stradale. Hai poi deciso di fare terminare i lavori secondo le previsioni progettuali. Senza escludere, però, di riprendere il discorso sul binomio illuminazione-sicurezza proposto all’attenzione della prefettura già lo scorso anno. [g.a.]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725