Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 01:11

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Casarano, ex boss Scu si autoaccusa di due omicidi

Casarano, ex boss Scu si autoaccusa di due omicidi

 
In Cassazione
Riti satanici in casa famiglia nel Salento, otto anni a due educatori

Lacce, riti satanici in casa famiglia. Condannati a 8 anni due educatori

 
Dopo il maltempo
«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

 
Palazzo Carafa
Lecce, Ufficio Casa sguarnito: fuggifuggi dei dipendenti

Lecce, Ufficio Casa sguarnito: fuggifuggi dei dipendenti

 
No del gip a dissequestro
Tap, il cantiere resta sequestratoCosta: giovedì decide il Governo

Tap, il cantiere resta sequestrato. Costa: giovedì decide il Governo

 
a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

 
Lo statuto è valido
Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

 
L'iniziativa
A Racale il pranzo a colori per dire noalla mensa separati del comune di Lodi

A Racale il pranzo a colori per dire no alla mensa separata di Lodi

 
Italia a 5 Stelle
Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

 
Il sequestro della villa
La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip

«La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Lecce

Prende mazzetta da perito, giudice onoraria arrestata

Una giudice onoraria in servizio presso il Tribunale civile di Lecce è stata arrestata in flagranza mentre ritirava una mazzetta da un perito a cui avrebbe promesso di affidare incarichi in cambio di circa 2.000 euro

usura

LECCE - Una giudice onoraria in servizio presso il Tribunale civile di Lecce è stata arrestata in flagranza mentre ritirava una mazzetta da un perito a cui avrebbe promesso di affidare incarichi in cambio di circa 2.000 euro. Si tratta dell’avvocatessa Marcella Scarciglia, di 44 anni, arrestata nel primo pomeriggio dagli agenti dell’aliquota distaccata in Procura della Polizia di Stato. Il reato contestato dal pm di turno Paola Guglielmi è di concussione.

Secondo l’accusa, la giudice avrebbe fatto intendere al professionista, suo consulente, che l’affidamento di incarichi era condizionato al versamento del denaro. Fissato l'appuntamento nel pomeriggio a casa della giudice, il consulente, che nel frattempo aveva avvisato i poliziotti, si è presentato consegnando la somma pattuita. In quel momento i poliziotti hanno bussato alla porta dell’appartamento e si sono fatti aprire sorprendendo la donna con il denaro. La giudice ha tentato inutilmente di negare l’evidenza, ma il denaro era stato precedentemente fotocopiato. Il fascicolo sarà trasmesso per competenza alla Procura di Potenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400