Martedì 23 Ottobre 2018 | 02:34

NEWS DALLA SEZIONE

a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
Lo statuto è valido
Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

 
L'iniziativa
A Racale il pranzo a colori per dire noalla mensa separati del comune di Lodi

A Racale il pranzo a colori per dire no alla mensa sepa...

 
Italia a 5 Stelle
Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Cir...

 
Il sequestro della villa
La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip

«La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip»

 
Dai Cc
Ugento, arrestato spacciatore 22enne: aveva cocaina e soldi

Ugento, arrestato spacciatore 22enne: aveva cocaina e s...

 
A Taurisano (Le)
Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

 
L'intervista
Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta culturale»

Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta cultural...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
La rivolta nel M5S
Tap, ultimatum ai parlamentari«Subito incontro o dimissioni»

Tap, ultimatum ai parlamentari «Subito incontro o dimis...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

l'allerta

Bisogna tutelare i coralli bianchi al largo di Leuca

L’appello di MedReAct in occasione della Giornata degli Oceani a difesa di un patrimonio delicato come il corallo bianco dello Ionio

corallo bianco dello Ionio

ROMA - Si trova nel Mar Ionio, a largo di Santa Maria di Leuca (Lecce), la più grande comunità di coralli bianchi attualmente conosciuta nel Mediterraneo, che deve essere tutelata creando delle aree di limitazione per la pesca di profondità. E’ l’appello lanciato da MedReAct, l’organizzazione che promuove azioni di recupero della biodiversità marina nel Mediterraneo, in occasione della Giornata degli Oceani, richiamando l’attenzione su un patrimonio prezioso per la salute del mare e per quella umana ma estremamente vulnerabile.

I coralli dello Ionio, spiega l’Organizzazione, vivono in profondità in acque fredde dove la temperature va dai 4 ai 12 gradi e rappresentano oltre la metà di tutti quelli conosciuti al mondo. La loro tutela, passa anche dalla risoluzione del Cgpm, la Commissione generale per la Pesca nel Mediterraneo dello scorso ottobre che raccomanda l’istituzione di nuove Fishery restricted areas (Fra) nel Mediterraneo, per la protezione degli ecosistemi marini vulnerabili e per le zone di riproduzione e accrescimento delle specie ittiche. Un primo e importante risultato in questa direzione è stato raggiunto, anche grazie al contributo dell’Adriatic Recovery Project coordinato dalla stessa MedReAct, con l’istituzione di una Fishery restricted areas (Fra) nella Fossa di Pomo, la più importante zona di riproduzione di scampi e nasello in Adriatico dove la pesca a strascico e la tecnica dei palangari di fondo sono stata vietata lo scorso ottobre.

«La chiusura della Fossa di Pomo - conclude Domitilla Senni di MedReAct - è stato un primo fondamentale passo per il recupero dell’Adriatico e del Mediterraneo, una sorta di tregua per il mare in modo da consentirgli di recuperare almeno parte della sua straordinaria biodiversità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400