Sabato 20 Ottobre 2018 | 15:45

NEWS DALLA SEZIONE

A Taurisano (Le)
Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

 
L'intervista
Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta culturale»

Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta cultural...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
La rivolta nel M5S
Tap, ultimatum ai parlamentari«Subito incontro o dimissioni»

Tap, ultimatum ai parlamentari «Subito incontro o dimis...

 
Il caso
Migranti, Calimera offre ospitalitàsindaco Riace. Lega: spot a illegalità

Migranti, Calimera offre ospitalità sindaco Riace. Lega...

 
UN detenuto
Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una ...

 
La sentenza
Mafia, Consiglio di Stato confermascioglimento comune di Parabita

Mafia, Consiglio di Stato conferma scioglimento Comune ...

 
A Cavallino (LE)
Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria che tenta di difenderlo

Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria c...

 
Il gasdotto
Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per ministero Ambiente: «incontro informale»

Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per mi...

 
Economia
La rivincita delle scarpe «made in Casarano»

La rivincita delle scarpe «made in Casarano»: i casi Do...

 
Igiene
Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

alessano

Prodi racconta il suo don Tonino
«È stato il mio parroco a Bologna»

«I suoi valori, l’accoglienza e la solidarietà, siano comuni a tutta l’umanità»

Prodi racconta il suo don Tonino «È stato il mio parroco a Bologna»

di Mauro Ciardo

«Ho conosciuto don Tonino quando era fresco di nomina a parroco a Bologna e con il tempo ho sempre ascoltato i suoi messaggi».

Risalgono agli anni ‘60 i ricordi dell’ex presidente della Commissione europea Romano Prodi sul profeta di pace don Tonino Bello e ieri ha voluto raccontarli mentre era ospite di un convegno sul tema “Mediterraneo ed Europa” organizzato dalla Fondazione che porta il nome dell’amato presidente di Pax Christi, in occasione dei 25 anni alla sua morte.

Per Prodi, accolto dal presidente della Fondazione Giancarlo Piccinni, è stata anche l’occasione per legare gli insegnamenti del Servo di Dio alla geopolitica internazionale.

«I valori dell’accoglienza e della solidarietà cari a don Tonino sono valori che devono essere comuni a tutta l’umanità – ha dichiarato l’ex presidente del Consiglio - non solo dell’Italia e non solo oggi. Abbiamo bisogno di più Europa, non di meno Europa - ha aggiunto - ci sono tanti nazionalismi ed è come un pane mezzo cotto che va cotto fino in fondo e ci vuole una grande visione politica per questo. Il Mezzogiorno è in un crisi terribile. Prima di tutto dobbiamo riprendere la fiducia e seguire degli esempi virtuosi con una vera carica umana e qui tornano i discorsi di uomini come don Tonino Bello, che era mezzo bolognese avendo studiato all’Onarmo e ogni volta che veniva diceva sempre messa nella mia parrocchia. Allora non lo conoscevano – ha ricordato Prodi - lo vedevano come uno strano prete venuto dal Sud ma, adagio adagio, si è fatto conoscere. Lui credeva molto nella gente invitandola a cantare in coro. Ecco, il Meridione non canta in coro, invece deve prendere in mano il proprio destino».

Non sono mancati passaggi sulle emergenze pugliesi e salentine in particolare, tra cui la vicenda Tap e l’istituzione delle zone economiche speciali.

«Ho insistito tanto perché si creasse un equilibrio rispetto al Nord nell’arrivo del gas – ha rimarcato Prodi - tutto arriva dalla Russia e dalla Germania quindi ho detto creiamo un nuovo hub, un nuovo incrocio che venga al Sud. Capisco che bisogna prendere tutte le precauzioni possibili – ha aggiunto - ma bisogna essere uniti nell’idea di equilibrare con grandi iniziative il Sud rispetto al Nord. Bisogna creare una politica meridionale vera, l’istituzione delle Zes potrebbe essere una delle soluzioni per il rilancio del Sud però gli spazi per queste zone sono limitati; aiutano certamente perché potrebbero essere un esempio ma per queste cose – ha concluso - occorre una voce comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400