Giovedì 25 Aprile 2019 | 20:14

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
Barbara Lezzi a Lecce: «25 aprile, proteggiamo giovani da bullismo storico»

Barbara Lezzi a Lecce: «25 aprile, proteggiamo giovani da bullismo storico»

 
Iniziativa nel salento
Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

 
Islam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
Aperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso pregiudicato in strada. Killer si costituisce: mi sono difeso FOTO

 
Tecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
L'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
Tap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
La tragedia di Pasquetta
Melendugno, contro frontale muore una 25enne: grave una coppia

Melendugno, scontro frontale muore 25enne: grave una coppia

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Sisto: «Decaro senza pudore»

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

In Salento

Parabita, minacce in greco antico a consigliere comunale: nuovo caso

Dopo l'assessore di Acquaviva, missiva a un amministratore del comune salentino: il testo riprende brani del quarto episodio di Agamennone

Parabita, minacce in greco antico a consigliere comunale: secondo caso

Il Comune di Parabita

PARABITA (LECCE) - Dopo l’assessore di Acquaviva delle Fonti, nel Barese, anche un consigliere comunale di Parabita riceve un’inquietante lettera in greco antico. E anche stavolta la missiva giunta al consigliere leccese contiene brani del quarto episodio della tragedia greca «Agamennone» di Eschilo. La lettera è stata inviata ad Alberto Cacciatore, segretario Udc ed esponente della minoranza nel consiglio comunale di Parabita, tornato operativo da poche settimane grazie a una sentenza del Tar Lazio che ha annullato lo scioglimento dell’amministrazione per presunte infiltrazioni criminali.

Il foglio, scritto al computer, era in una busta insieme a tracce di polvere bianca. Stando a una traduzione non professionale, il testo è molto simile all’Agamennone. Sembrano essere stati riportati i versi «D’essere acuto intenditor d’oracoli / vanto io non meno; e pur questo somiglia / a presagio di male. Quale fausta parola / mai dissero i responsi? Ma ben con le sciagure / gli ambigui vaticinî / al cuor dell’uomo insegnano profetico terrore». E, ancora, «Bene s’accorda ciò che dici a ciò / che dicesti. E qual Dèmone / maligno t’invasò / tanto, che tu cantassi questi funebri / inni di doglia e morte? / Trepido io miro alla futura sorte».

È innegabile l’analogia con quanto accaduto a metà aprile all’assessore ai Lavori pubblici di Acquaviva, Austacio Busto. Cacciatore, però, esclude che il mittente possa essere lo stesso, perché la sua missiva è stata spedita non alla sua residenza ufficiale, ma a un indirizzo di domicilio «che solo chi è del posto può conoscere». «La lettera - afferma - era indirizzata “all’illustre consigliere Alberto Cacciatore”, quindi questo episodio ha attinenza con la mia attività politico-amministrativa. Qualcosa nel tessuto sociale e amministrativo di questa città non va come dovrebbe. Il mio ruolo di consigliere è meritevole di tali intimidazioni e lo è solo in virtù del fatto di essermi adoperato per la tutela della comunità, con un impegno che a qualcuno sembra non essere piaciuto. Ho segnalato l’accaduto alle autorità, per tutelare la mia incolumità e quella dei miei cari, messa in discussione da intimidazioni di chi, contrariamente a me, non vuole che Parabita si liberi di un recente “immeritato” passato di ombre che ancora la attanagliano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400