Sabato 15 Agosto 2020 | 18:12

NEWS DALLA SEZIONE

MOSCA
Bielorussia: Putin 'fiducioso' in 'soluzione rapida'

Bielorussia: Putin 'fiducioso' in 'soluzione rapida'

 
BARI
Emiliano, difenderemo Puglia dal virus

Emiliano, difenderemo Puglia dal virus

 
COPENHAGEN
Danimarca introduce obbligo mascherine sui mezzi pubblici

Danimarca introduce obbligo mascherine sui mezzi pubblici

 
MILANO
In Lombardia 94 positivi e un decesso

In Lombardia 94 positivi e un decesso

 
ROMA
++ F1: Spagna; Hamilton in pole, nona Ferrari Leclerc ++

++ F1: Spagna; Hamilton in pole, nona Ferrari Leclerc ++

 
BOLZANO
Basejumper muore in val Badia

Basejumper muore in val Badia

 
MALEO
Passaggio a livello guasto, travolta e uccisa dal treno

Passaggio a livello guasto, travolta e uccisa dal treno

 
ROMA
MotoGp: Austria; Yamaha Vinales in pole, 12/o Rossi

MotoGp: Austria; Yamaha Vinales in pole, 12/o Rossi

 
ROMA
Champions:rivoluzione Barca, Xavi o Pochettino per panchina

Champions:rivoluzione Barca, Xavi o Pochettino per panchina

 
ROMA
Criminalità:effetto Covid, in un anno calo delitti 18%

Criminalità:effetto Covid, in un anno calo delitti 18%

 
ROMA
Meghan Markle, bene proteste pacifiche degli afroamericani

Meghan Markle, bene proteste pacifiche degli afroamericani

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari, Romairone a un centimetro ma il nodo Vivarini non è sciolto

Bari, Romairone a un centimetro ma il nodo Vivarini non è sciolto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl rogo
Incendio a Sant'Agata di Puglia: in fiamme vegetazione in località Monte Ultrino

Incendio a Sant'Agata di Puglia: in fiamme vegetazione in località Monte Ultrino

 
BariL'incidente
Acquaviva, panico sulla Statale 100: auto prende fuoco, salvi i passeggeri

Acquaviva, panico sulla Statale 100: auto prende fuoco, salvi i passeggeri

 
LecceMusica
Con Battiti la musica pop in viaggio per la Puglia: il quarto appuntamento

Con Battiti la musica pop in viaggio per la Puglia: il quarto appuntamento

 
MateraLa tragedia
Perde l'equilibrio e precipita nel vuoto dopo un volo di 6 metri: morta 17enne a Irsina

Perde l'equilibrio e precipita nel vuoto dopo un volo di 6 metri: morta 17enne a Irsina

 
HomeIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, crescono i contagi: 5 positivi di rientro su 230 tamponi

Coronavirus Basilicata, crescono i contagi: 5 positivi di rientro su 230 tamponi

 
TarantoIl caso
Taranto al S. Annunziata: «Niente tamponi nei turni di notte»

Taranto al S. Annunziata: «Niente tamponi nei turni di notte»

 
BrindisiL'incidente
Esplode bombola gas a Fasano: donna avvolta dalle fiamme, è grave

Esplode bombola gas a Fasano: donna avvolta dalle fiamme, è grave

 
BatIl caso
Barletta, stop al bullismo appello contro le aggressioni: «baby gang scatenate nel centro»

Barletta, stop al bullismo appello contro le aggressioni: «baby gang scatenate nel centro»

 

i più letti

Sardegna, un flop anche il referendum sull'«importazione» dei rifiuti

La maggioranza di centrosinistra promette che l'Isola non si trasformerà in una «pattumiera» di scorie extra-regionali e che la spinosa questione del lavoro coniugato allo sviluppo sostenibile verrà presto regolata da una legge ad hoc dell'Assemblea sarda
CAGLIARI - Doppia consultazione e doppia sconfitta dei referendari in Sardegna: vince l'astensione sulla procreazione assistita e la deriva del non voto trascina fuori dal quorum anche il quesito regionale sull'importazione dei rifiuti industriali, affossando le 16 mila firme raccolte dal comitato promotore per l'abrogazione della legge n.8 del giugno 2001. La maggioranza di centrosinistra promette che l'Isola non si trasformerà in una «pattumiera» di scorie extra-regionali e che la spinosa questione del lavoro coniugato allo sviluppo sostenibile verrà presto regolata da una legge ad hoc dell'Assemblea sarda.
Se il referendum, infatti, è stato bocciato dagli elettori - la percentuale dei votanti si è fermata al 26,49 contro il 33,33 più uno necessario per la validità -, il nodo dell'arrivo in Sardegna di rifiuti da utilizzare come materie prime nei processi industriali delle aziende dell'Isola è tutt'altro che sciolto. Con un tasso di disoccupazione che sfiora il 18%, la Sardegna non può permettersi di arretrare ancora sul fronte del lavoro. Ma è altrettanto indiscutibile che è sulla tutela dell'ambiente che la regione si gioca le sue prossime chance di sviluppo.
La campagna referendaria è stata aspra, e non poteva essere diversamente, tanto più che il territorio investito dai possibili effetti del referendum è quello del Sulcis, già falcidiato dalla crisi industriale: qui ha sede la Portovesme srl, l'azienda che lavora i fumi di acciaieria (le cosiddette scorie importate) per produrre piombo e zinco, e che ha minacciato la chiusura con l'espulsione di 1500 lavoratori in caso di vittoria dei sì. Ed è lo stesso territorio che ha già pagato un prezzo pesante in termini ambientale, ma anche di salute dei cittadini, per il suo passato minerario, per la presenza di industrie potenzialmente inquinanti e la concentrazione di servitù militari - con in testa il Poligono di Capo Teulada - ora al centro di un braccio di ferro tra la Regione e il Governo.
Una miscela "esplosiva" che il referendum, forse, non poteva depotenziare e che adesso ha accelerato - paradossalmente proprio per il fallimento del quorum -, quel processo politico, di "governo" dello sviluppo sostenibile che per la Sardegna del futuro non può più essere uno slogan. Su questo concordano maggioranza e opposizione, sindacati e industriali, che per la prima volta, in questa tornata elettorale, si sono trovati uniti sul fronte del no: certo le ricette sono differenti, ma il confronto è aperto e le soluzioni, seppur mediate, dovranno essere condivise.
Chi non crede ai compromessi è Bustianu Cumpostu, "irriducibile" leader indipendentista di Sardigna Natzione, tra i promotori del referendum abrogativo. «Hanno vinto i poteri forti - denuncia -, la lobby economica sindacale e industriale, insomma il business che sta dietro allo smaltimento di scorie camuffate da materie prime. Ma noi - promette - non ci arrenderemo: siamo quattro mosche, ma quattro mosche molto dure a morire».
Roberta Celot

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie