Martedì 28 Giugno 2022 | 01:20

In Puglia e Basilicata

Al Festival giornalismo

Julian Assange, la moglie: preoccupati per lui ma è un combattente

Julian Assange, la moglie: preoccupati per lui ma è un combattente

Julian Assange, fondatore di Wikileaks

«Siamo molto preoccupati, ma Julian è un combattente e combatte tutti i giorni la battaglia per la sua libertà». Così Stella Moris, moglie di Julian Assange

10 Aprile 2022

Ansa

PERUGIA - «Siamo molto preoccupati, ma Julian è un combattente e combatte tutti i giorni la battaglia per la sua libertà». Così Stella Moris, da poche settimane moglie di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks detenuto in un carcere di massima sicurezza in Gran Bretagna, ha parlato questo pomeriggio intervenendo al Festival internazionale del giornalismo di Perugia nel corso dell’incontro «Assange e Wikileaks: processo alla libertà di informazione».

Il giornalista australiano Julian Assange rischia a breve di essere estradato negli Stati Uniti, dove lo attende un processo per spionaggio per la diffusione online di migliaia di documenti e email classificati sull'attività militare e diplomatica degli Usa.

«Lunedì saranno tre anni che Julian è nel carcere di Belmarsh» ha detto Stella Moris. «Potete solo immaginare - ha aggiunto - quali effetti questa carcerazione può avere su una persona, come un animale in uno zoo, è la stessa cosa. La condizione fisica di Julian era già complicata quando è stato arrestato, perché ha trascorso sette anni da solo in un piccolo appartamento (nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, ndr), ma il suo margine di movimento si è ridotto drammaticamente dentro la prigione». La moglie di Julian Assange ha poi ricordato che il giornalista ha avuto «un mini-ictus in ottobre» e che le sue condizioni si sono «drammaticamente deteriorate».

Ma a destare altrettanta, se non più, preoccupazione, sono le condizioni mentali di Julian Assange fondatore di Wikileaks. «Questa carcerazione è così mostruosa» ha detto ancora Stella Moris. «Julian - ha continuato emozionata - ha sofferto di depressione clinica per tutta la vita e siamo molto preoccupati per questo. Ma è un combattente e combatte tutti i giorni la battaglia per la sua libertà. Anche se non è facile» ha concluso.

Stella Moris ha definito «un attacco politico completamente illegale verso un editore» quanto avvenuto nei confronti del marito Julian Assange e spiegato di non aver ancora detto ai due figli piccoli che a causa dell’estradizione negli Usa potrebbero ancora non rivedere il padre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725