Martedì 22 Giugno 2021 | 00:17

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'intervista

Regalia: "Bari, non aver pauraa costruire il tuo nuovo futuro"

Bari, Regalia: «Evitare fretta e decisioni di pancia»

«Polito è un emergente con un curriculum importante. Toscano top in C»

Bari - «La piazza è impaziente, ma non si devono commettere gli errori del passato: le scelte non possono essere sbagliate». Carlo Regalia ha il Bari nel cuore. Il navigato dirigente lombardo che in biancorosso ha trascorso ben tre periodi della sua lunga carriera (allenatore dal 1972 al ‘74, direttore sportivo nei primi anni ‘80 costruendo con Enrico Catuzzi la favola del Bari dei baresi, quindi direttore generale dal 1993 al 2003) è deluso come l’intera città del pallone. Ma prova a dispensare consigli dall’alto della sua esperienza.

«Non si può negare che il Bari sia clamorosamente venuto meno alle aspettative, prima nella regular season, poi ai playoff. L’organico biancorosso era nettamente superiore a Catanzaro e Avellino: il quarto posto è sinonimo di un malessere che non è stato curato a dovere. Sto seguendo i playoff e anche in questa competizione, i Galletti avrebbero potuto tranquillamente primeggiare: quando un campionato prende una piega negativa, non è facile raddrizzarla e nel caso del Bari forse c’è stata poca lucidità nel gestire le difficoltà. La proprietà è forte ed ambiziosa, ma probabilmente l’eccessiva voglia di raggiungere il risultato ha portato a scelte che non hanno pagato».

E ora come si riparte?
«Evitando proprio la fretta e le decisioni di pancia. Il direttore sportivo è una figura essenziale nell’organizzazione del futuro: non si potrà nuovamente procedere ad una rivoluzione radicale, ma occorrerà valutare con grande attenzione il materiale a disposizione e creare una base. Allo stesso tempo, non si può depauperare un patrimonio economico pur di liberarsi di chi non ha reso: il Bari ha investito e deve recuperare dalle cessioni il giusto valore dei suoi calciatori. Ma per un’opera così impegnativa, occorre una persona capace e con le idee chiare».

La candidatura principale per il ruolo di responsabile dell’area tecnica porta a Ciro Polito: che ne pensa?
«Fa parte di una generazione emergente: è giovane, ma conta già un curriculum importante. Lui, come Trinchera o come Giacchetta, solo per citare altri due nomi accostati al Bari. È gente che conosce la categoria e l’ha vinta: dunque, il presupposto della ricerca è corretto perché chi viene dovrà essere già calato nel contesto della C e approntare tutte le strategie possibil per uscirne immediatamente».

Per la panchina, invece, il nome forte sarebbe quello di Domenico Toscano.
«Altro tecnico top per la C. Ma è un discorso prematuro: bisogna conoscere l’orientamento del direttore sportivo che dovrà scegliere un allenatore pronto a lavorare in simbiosi con lui».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 
Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al ...

 
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 
Il Bari va in pressing su Mignani: l'ex Modena scelto da Polito

Il Bari va in pressing su Mignani: l'ex Modena scelto d...

 
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 
È un Bari ancora da lavori in corso. Polito in dirittura d'arrivo

È un Bari ancora da lavori in corso. Polito in dirittur...

 
Polito si «prende» il Bari. Brosco il primo colpo?

Polito si «prende» il Bari. Brosco il primo colpo?