Martedì 23 Ottobre 2018 | 22:46

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Regione, nuove accuse sugli appaltiLiviano: ai soliti. Capone: ora querelo. Pugliapromozione: smentito dai dati

Regione, nuove accuse sulle gare. Liviano: ai soliti. Capone: querelo. Pugliapromozione: ecco i dati

 
Protestano i grillini
Puglia, la battaglia delle poltroneScontro sulla commissione antimafia al M5S

Puglia, la battaglia delle poltrone ed è scontro sulla commissione antimafia al M5S

 
In Cassazione
Riti satanici in casa famiglia nel Salento, otto anni a due educatori

Lacce, riti satanici in casa famiglia
Condannati a 8 anni due educatori

 
L'Italia a due velocità
Treni veloci, ok gara a primo lottoper doppio binario Termoli-Lesina

Treni veloci, ok gara a primo lotto per doppio binario Termoli-Lesina

 
Dopo il maltempo
«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

 
Durante un'esercitazione
Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

 
L'annuncio
Bari, per il ministero: «Giustizia più rapida con gestione digitale delle pratiche»

Palagiustizia, Ministero: «Processi più rapidi con le pratiche digitali»

 
Dopo due anni di indagini
Taranto, contrabbandavano gasolio agricolo: in 7 ai domiciliari

Taranto, contrabbandavano gasolio: 7 arresti, sequestrati 55 mln beni

 
A Barletta
Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

 
A canosa di Puglia (Bt)
Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

 
Il rapporto
Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Operazione di Polizia e Finanza

Isis, arrestato egiziano a Foggia. Ai bambini: sgozzate miscredenti

Eseguite anche tre perquisizioni domiciliari, sequestrati i locali di "Al Dawa" e i conti correnti

terrorismo Isis

BARI - Teste sgozzate, racconti di odio e violenza, istruzioni per fabbricare armi e bombe. Queste immagini e parole sarebbero state mostrate per mesi ad un gruppo di bambini tra i 4 e 10 anni durante lezioni di religione islamica che, in realtà, erano veri e propri seminari di propaganda e indottrinamento jihadista. A tenere quelle lezioni, l'ultima risale ad alcune settimane fa, era il 59enne Mohy Eldin Mostafa Omer Abdel Rahman, cittadino italiano di origine egiziana e residente a Foggia dove presiedeva l’associazione culturale “Al Dawa”, che è stato arrestato con le accuse di terrorismo internazionale e istigazione a delinquere.
Proprio all’interno dell’associazione - ora sotto sequestro su disposizione della Dda di Bari - l’uomo insegnava ai bambini, una decina in tutto, il concetto di guerra santa, spiegando loro che l’unico modo per ottenere il Paradiso era la morte in battaglia. La vicenda è stata segnalata anche al Tribunale per i Minorenni di Bari che ha aperto un fascicolo «a protezione dei bambini - spiega il presidente Riccardo Greco - perché le immagini crude e i messaggi di violenza potrebbero aver generato turbamenti».

Nell’indagine è coinvolta anche la moglie di Abdel Rahman, una italiana molto più anziana di lui, Vincenza Barbarossa, di 79 anni, che non è sospettata di terrorismo ma di reati fiscali e destinataria insieme al marito di un sequestro di beni per complessivi 370mila euro. Si tratta dei soldi che l’egiziano riceveva attraverso la cosiddetta «zakat», una sorta di raccolta fondi tra i musulmani che frequentavano la moschea Al Dawa, e che, secondo gli investigatori, veniva accumulato e gestito in maniera poco trasparente. L’inchiesta dei pm baresi Giuseppe Gatti e Lidia Giorgio, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Giannella, è partita un anno fa dopo l’arresto del militante ceceno dell’Isis Eli Bombataliev, ospitato a lungo nei locali dell’associazione foggiana.

Digos e Guardia di Finanza hanno monitorato, soprattutto attraverso internet e poi anche con intercettazioni ambientali, i contatti fra di loro e i documenti che venivano condivisi in rete, tramite Whatsapp e Twitter, arrivando a scoprire l’attività di propaganda jihadista e indottrinamento al martirio fatto nei confronti di adulti e bambini.
«Vi invito a combattere i miscredenti, i crociati, gli ebrei, gli atei, i tiranni arabi e i loro eserciti. Con le vostre spade tagliate le loro teste oppure sparate con i vostri proiettili, con le vostre cinture esplosive fate saltare in aria i loro corpi e non dimenticate le bombe, che provocano maggiori disastri e atrocità, la miglior maniera per ricevere la benevolenza divina» diceva Abdel Rahman nelle sue lezioni. Agli atti della magistratura barese ci sono anche video con istruzioni per costruire armi e bombe, scene di uomini sgozzati da bambini, minori che imbracciano fucili e altri documenti nei quali si parla «dell’obbligo di distruggere le chiese e trasformarle in moschee, individuando l’Italia come obiettivo dell’attività terroristica». (di Isabella Maselli, ANSA) 

L'ARRESTO DI UN CECENO - L’inchiesta che ha portato all’arresto a Foggia dell’egiziano Abdel Rahman Mohy Eldin Mostafa Omer, di 59 anni, si inserisce in un più ampio contesto operativo che nel luglio scorso ha portato all’arresto sempre a Foggia di Eli Bombataliev, un militante ceceno dell’Isis, accusato di associazione a delinquere con finalità di terrorismo internazionale.

All’arresto di Abdel Rahman si è giunti grazie alla segnalazione di operazioni sospette compiute dal cittadino egiziano e da sua moglie, Vincenza Barbarossa, di 79 anni, che hanno evidenziato una disponibilità economica dei due sproporzionata rispetto ai redditi dichiarati, nel periodo dal 2011 al 2017. L’ipotesi è che l’Imam ricevesse il denaro attraverso la cosiddetta «zakat», una sorta di raccolta fondi tra i musulmani che frequentavano la moschea Al Dawa, gestendo il denaro accumulato in maniera poco trasparente. La base dell’attività di propaganda di Abdel Rahman, secondo gli investigatori, era la sede della associazione culturale «Al Dawa», una vera e propria moschea nel capoluogo dauno.

«I BAMBINI SARANNO PROTETTI» -  Il Tribunale per i minorenni di Bari, su segnalazione della Procura Antimafia, ha aperto un procedimento «a protezione dei bambini» ai quali il 59enne di origine egiziana Abdel Rahman (arrestato oggi per terrorismo internazionale) teneva lezioni di propaganda jihadista a Foggia.
«La pratica di indottrinamento - spiega il presidente del Tribunale per i Minorenni di Bari, Riccardo Greco - con immagini crude e messaggi di violenza, potrebbe aver generato turbamenti. Il primo passo sarà identificate tutti i bambini coinvolti, ma da prime informazioni sappiamo che provengono da famiglie sane. Il nostro obiettivo è quindi proteggerli e supportare le loro famiglie, per evitare che quei turbamenti possano avere conseguenze sulla crescita dei bambini». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400