Venerdì 21 Settembre 2018 | 21:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il Tar accoglie ricorso

Xylella, stop estirpazioni ulivi monumentali. Infezioni triplicate

Il report Puglia: sono passate da 735 a 2251 le piante contagiate dal batterio

Tar, verifica monumentalità prima di abbattere gli ulivi zona cuscinetto

La Xylella torna a far discutere perché sono più che triplicate negli ultimi due mesi le piante di ulivo colpite dal batterio: sono passate da 735 a 2251. Lo evidenzia il nuovo report effettuato dall’Osservatorio fitosanitario Xylella della Regione Puglia nella cosiddetta fascia di contenimento, come fa sapere il Consorzio Nazionale degli Olivicoltori fortemente preoccupato del risultato. Ma si torna a parlare del batterio killer degli ulivi anche perché il Tar di Puglia ha stabilito che «la Regione prima di estirpare le piante di ulivo sane nella zona cuscinetto, deve verificare se le stesse presentino il carattere di monumentalità», ciò ai sensi della stessa normativa regionale.

I giudici amministrativi hanno accolto la richiesta cautelare avanzata in un ricorso presentato dal proprietario di un fondo nel Comune di Ceglie Messapica (Brindisi) contro un provvedimento dell’Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia, che ha individuato una pianta di ulivo infetta dal batterio della Xylella fastidiosa nella tenuta di un privato e ha ordinato l’estirpazione della pianta infetta e di tutti gli ulivi nel raggio di 100 metri dalla stessa, che si trova nella cosiddetta zona cuscinetto. Si tratta all’incirca di una cinquantina di piante in totale, che non saranno abbattute per via della sospensiva concessa. Il Tribunale barese ha così sospeso l’ordinanza di eradicazione e ha innescato una nuova potenziale polemica sull'epidemia che porta all’essiccamento degli ulivi. 

«L'avanzata del batterio è inarrestabile e non bastano più le parole che illudono tanti olivicoltori - afferma il presidente del Consorzio nazionale olivicoltori, Gennaro Sicolo - bisogna procedere subito con l’eradicazione delle piante infette e con gli immediati rimborsi per gli agricoltori colpiti». Sicolo ribadisce che «la Xylella è un problema nazionale perché non è affatto detto che in futuro non possa colpire altre tipologie di piante. È grave, ad esempio, che il decreto relativo al reimpianto, approvato dalla commissione Ue, non sia ancora stato recepito dalle istituzioni italiane». 

Secondo il presidente Sicolo non si può più aspettare, "attendere significa consentire al batterio di avanzare ancora e compromettere il futuro dell’olivicoltura nazionale».

PIANTE INFETTE TRIPLICATE IN DUE MESI -  Sono più che triplicate negli ultimi due mesi le piante di ulivo colpite dal batterio della Xylella, passate da 735 a 2251. Ad evidenziarlo è il nuovo report effettuato dall’Osservatorio Fitosanitario Xylella della Regione Puglia nella cosiddetta fascia di contenimento, come fa sapere il Consorzio Nazionale degli Olivicoltori fortemente preoccupato del risultato.

«L'avanzata del batterio è inarrestabile e non bastano più le parole che illudono tanti olivicoltori - afferma il presidente del Consorzio, Gennaro Sicolo - bisogna procedere subito con l'eradicazione delle piante infette e con gli immediati rimborsi per gli agricoltori colpiti». Sicolo ribadisce che «la Xylella è un problema nazionale perché non è affatto detto che in futuro non possa colpire altre tipologie di piante. È grave, ad esempio, che il decreto relativo al reimpianto, approvato dalla commissione Ue, non sia ancora stato recepito dalle istituzioni italiane».

Secondo il presidente non si può più aspettare, «attendere significa consentire al batterio di avanzare ancora e compromettere il futuro dell’olivicoltura nazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Emiliano nomina Stea assessore all'ambienteGennato (FdI): «È alla frutta»

Stea nuovo assessore ambiente Gemmato (FdI): «Emiliano è alla frutta»

 
Brindisi, 85enne muore travolta dal marito mentre fa manovra

Brindisi, 85enne muore travolta dall'auto del marito 

 
Bari, Decaro consegna le chiavi del San Nicola a De Laurentiis

Bari, Decaro consegna le chiavi del San Nicola a De Laurentiis

 
Sfruttavano 15 connazionali, arrestati due presunti caporali bulgari

Sfruttavano 15 connazionali, arrestati due presunti caporali bulgari

 
Brindisi, Emiliano attacca Toninelli: «Lo vedo imbambolato»

Brindisi, Emiliano attacca Toninelli: «Lo vedo imbambolato»

 
A Bari maxi delegazione da Mosca: incontro tra istituzioni e imprese

A Bari maxi delegazione da Mosca: incontro tra istituzioni e imprese

 
Danneggia il palco del concerto di Gazzè e picchia un agente: arrestato 22enne

Danneggia il palco del concerto di Gazzè e picchia un agente: arrestato 22enne

 

GDM.TV

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

PHOTONEWS