Giovedì 17 Gennaio 2019 | 18:38

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Il caso

Nardò, la casa del morto
è lontana: salta la benedizione

I familiari scrivono al vescovo: il parroco non ha concesso l'ultima benedizione perchè l'abitazione del defunto era fuori mano

Nardò, la casa del mortoè lontana: salta la benedizione

BIAGIO VALERIO

NARDO' -Il sacerdote non va in casa del caro estinto per l’ultimo saluto e i familiari del defunto scrivono una lettera di proteste al vescovo Fernando Filograna. È successo a Nardò alcuni giorni fa, quando un anziano ha abbandonato la vita terrena lasciando un ricordo virtuoso ai parenti ed ai confratelli. Fa parte della congrega dedicata a “San Luigi” e ha vissuto sempre da uomo di fede. Anche per questo motivo nessuno, in famiglia, desidera che manchi nulla alla cerimonia funebre. Men che meno i conforti religiosi ai familiari e le preghiere di rito al defunto. Ma il parroco non raggiunge l’abitazione che si trova ad un paio di chilometri di distanza rispetto all’abitato di Nardò.

I familiari, che già al mattino lo attendevano per le preghiere rituali, non lo apprendono dalla sua voce ma è l’impresario funebre che si fa portavoce della sgradita notizia e la riferiscono ai parenti che sono in casa ad attendere la chiusura della bara. Un momento intimo e sacro, durante il quale le preghiere sono balsamo per la ferita che si è aperta nella famiglia che è colpita dal lutto. Un comportamento, quello della mancata comunicazione da parte del religioso, che ha aumentato il senso di amarezza «perché non abbiamo avuto alcuna spiegazione in merito» scrivono nella lettera al capo della diocesi.

«Monsignore - dicono - lei sa bene che la chiusura della bara e la benedizione costituiscono per noi cattolici un momento importantissimo a livello spirituale, e vederci privati di ciò è una ferita che sanguina». La bara, chiusa dagli impresari delle pompe funebri, è stata poi trasportata fino all’ingresso della città, nella zona della “porta di mare”, e poi ha raggiunto la parrocchia accompagnata dalla banda e dal religioso che ha officiato la cerimonia funebre. Ma, ormai, il dispiacere e la rabbia covavano, anche in chiesa. «La circostanza che la casa fosse in una zona di campagna - dice un figlio del defunto - non può certo rappresentare una valida giustificazione». Invocando la paterna benedizione di Filograna, gli estensori si accomiatano dal vescovo sperando che la segnalazione dell’accaduto serva affinché nessuna famiglia debba subire lo stesso disagio in un momento di grande vulnerabilità, qual è la scomparsa di un padre di famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400