Martedì 22 Giugno 2021 | 00:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
sviluppo
Pnrr, Zes: la grande sfida della ripartenza

Pnrr, Zes: la grande sfida della ripartenza

 
Il fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
Il nodo del siderurgico
Ex Ilva di Taranto, il sindaco chiede al Governo un accordo di programma

Ex Ilva di Taranto, il sindaco chiede al Governo un accordo di programma

 
L'intervista
Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

 
L'intervista
Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

 
Libertà di stampa
Bari, Carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

Bari, carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

 
L'analisi
Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

 
il bollettino
Covid, s'allevia la tensione in Puglia

Covid, s'allevia la tensione in Puglia

 
Archeologia
Bari, torna a casa il tesoro archeologico finito in Belgio - IL VIDEO -

Bari, torna a casa il tesoro archeologico finito in Belgio VIDEO

 
Covid
Vaccini: entro il 14 luglio in arrivo in Puglia oltre 920mila dosi

Vaccini: entro il 14 luglio in arrivo in Puglia oltre 920mila dosi. E la Regione potenzia il sequenziamento dei ceppi virali

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

emergenza xylella

Il Salento riparte
dalla «Favolosa»

Al via le prenotazioni di 200mila piante. «Prezzo bloccato anti-speculazioni»

olive di cultivar Favolosa

Il bosco di ulivi potrà essere presto ricostruito. Almeno questo sperano gli olivicoltori del Salento. La «Voce dell’Ulivo» ha acquistato 200mila piante certificate di Favolosa per bloccare le speculazioni sull’acquisto di ulivi e tornare a credere in un futuro agricolo per il Tacco d’Italia flagellato da xylella fastidiosa.

Da ottobre 2018 le piantine saranno distribuite, con priorità ai piccoli agricoltori, ad un prezzo agevolato di due euro. «Importo ottenuto dopo una lunga trattativa con uno dei vivai concessionari della cultivar FS17 (Favolosa)», dicono dall’associazione di produttori.

Un primo passo dopo la scoperta delle due cultivar resistenti, Leccino e Fs17 (Favolosa), che mira a garantire all’olivicoltore un basso costo delle piante brevettate, la garanzia di tracciabilità e sanità delle piantine, un supporto logistico e un supporto tecnico. «Gli agricoltori salentini - commentano dalla Voce dell’ulivo - vogliono tornare a piantare ulivi e noi abbiamo voluto investire sulla nostra e sulla loro caparbietà incominciando dall'acquisto di piante».

«Questa sarà solo la prima di una serie di iniziative concrete - aggiungono - che accompagneranno gli agricoltori nella ricostruzione delle zone del Salento già da tempo distrutte da xylella, in attesa che si pronunci la scienza in merito all’efficacia degli innesti per salvare i monumentali e in merito alla resistenza dei semenzali. Questi ultimi rappresentano un immenso patrimonio genetico autoctono, che certamente potrà garantire un futuro ricco di biodiversità».

La Voce dell’Ulivo, per scelta, non ha per il momento acquistato piante di Leccino «in quanto questa cultivar non sottoposta a royalties è offerta da una pluralità di vivai la cui concorrenza tra di loro non crea regimi di oligopolio a danno degli agricoltori».

Di seguito i nomi delle aziende che hanno offerto la piattaforma logistica, che può essere ampliata su richiesta, per la prenotazione e distribuzione delle piantine di ulivo di circa dieci mesi di età: Frantoio Congedi Renato, via Leuca, Ugento; Frantoio Congedi Matteo, via Marina, Ugento; Coop. Acli Racale, via Prov.le Racale Ugento, Racale; Frantoio Melcarne Andrea, via della Repubblica, Gagliano del Capo; Frantoio Melcarne Giovanni, via Panoramica, Gagliano del Capo; Az. Agricola Barba Francesco, via S. Filio Contrada Saetta, Monteroni; Frantoio Giannuzzi Alessandro, via Vecchia Castrì Melendugno, Vernole.

Le prenotazioni avverranno mediante compilazione di apposito modulo e versamento di una quota minima del 30 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie