Martedì 19 Marzo 2019 | 00:44

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
Udienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
La proposta di Decaro
Nozze in Puglia tra le più gettonate al mondo: il Comune cerca location da sogno

Nozze in Puglia tra le più gettonate al mondo: il Comune cerca location da sogno

 
A taranto
Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

 
Polemica nel barese
Gioia del Colle, segretario Lega parla di «razze», candidato sindaco: «Si dimetta»

Gioia, segretario Lega parla di «razze», candidato centrodestra: «Si dimetta»

 
La denuncia
Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

 
L'inchiesta
Via della Seta, la Cina «sfiora» la Puglia: un'occasione per la Regione

Via della Seta, la Cina «sfiora» la Puglia: un'occasione per la Regione

 
Incidente nel Tarantino
Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Ha 40 anni
Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Un caso che fa scuola

«Quella banca è
colpevole di usura»

Da un lato Sos Utenti Basilicata schierata in difesa di Michele Satriani e della sua azienda, la Socitel snc; dall’altro la filiale potentina della Banca Monte Paschi di Siena con in ballo i sei direttori che si sono avvicendati dal 1998 al 2006

usura

di CRISTIANA LOPOMO

POTENZA - Una sentenza che sta facendo - e continuerà a fare - scuola. Ha creato - come si dice in materia - un precedente giurisprudenziale e, ora, sono in tanti si stanno cominciando ad attivare per seguirne il tracciato. È stato un vero e proprio schiaffo in faccia: da un Tribunale alla periferia estrema dello stivale alla Banca più antica d’Italia e, di conseguenza, all’intero sistema bancario nazionale. Un po' come Davide contro Golia: da un lato, Sos Utenti Basilicata schierata in difesa di Michele Satriani e della sua azienda, la Socitel snc; dall’altro la filiale potentina della Banca Monte Paschi di Siena con in ballo i sei direttori che si sono avvicendati dal 1998 al 2006.

La Gazzetta del Mezzogiorno se ne era già occupata allora, nell’immediato: emessa a giugno 2017, dal Collegio penale del Tribunale di Potenza, la sentenza ha condannato, per la prima volta in Italia, un direttore di banca Mps riconoscendolo penalmente colpevole del reato di usura. Un dispositivo ampiamente motivato in 27 pagine che lascia intravedere solo la punta dell’iceberg della reale portata del fenomeno: come in questo, in mille altri casi analoghi in tutta Italia, il passo può essere davvero molto breve tra la condizione di sofferenza bancaria, alimentata dal fenomeno dell’usura bancaria ai danni di cittadini e imprese che versano in un’innegabile condizione di necessità, alla quale segue sempre la compromissione della propria reputazione presso la Centrale rischi della Banca d'Italia e poi, nei casi più sfortunati, la dichiarazione di fallimento che però, nel caso della società di Michele Satriani, il Tribunale di Potenza ha respinto.

Eppure era un’azienda florida, quella dei fratelli Satriani, specializzata nel campo delle installazioni elettriche e telefoniche, con un volume di affari annuo stimato intorno al milione e 800 mila euro. La dotazione di un ingente parco auto. Oltre una ventina i dipendenti. Buone, anzi ottime, commesse in tutta Italia e appalti anche con colossi del calibro di Enel e Telecom.

«Ci sono voluti più di 11 anni – racconta Michele Satriani – perché arrivassimo a capo di questa brutta vicenda: risolta nel giro di appena quattro mesi, grazie ad un Collegio giudicante e ad un Giudice che realmente hanno applicato la legge, tutelando così il cittadino e l'imprenditore. Anche se per la conclusione definitiva c’è ancora da aspettare, sono già molto soddisfatto. Spero che tanti colleghi imprenditori comincino ad avere una speranza. Preciso però, che non è stato per nulla facile arrivare a tale pronunciamento con cui un giudice ha finalmente riconosciuto chiaramente che sui conti correnti della mia azienda la banca ha praticato interessi usurari, con un delta tra il 22,07% annuale, fino al 47%, in entrambi i casi superiore al tasso soglia fissato dal Ministero del Tesoro fissato, in quel periodo, nella misura di circa il 14,73%. Sono stato costretto a licenziare i mei 23 dipendenti, buttare al macero mezzi e merce in magazzino, chiudere la mia azienda mandata avanti con tanti sacrifici e nemmeno una lira di finanziamenti pubblici».

È passato, anche, per lo sciopero della fame e della sete il signor Satriani che, oggi fa i conti con «un danno a dir poco incalcolabile» soprattutto per la perdita della serenità e quindi della salute. Situazione aggravata dal rischio che gli sequestrino casa, immobili e proprietà. «La banca mi ha rovinato la vita, mi ha calpestato. Adesso so, per certo, che solo grazie alla professionalità, ma soprattutto grazie alle «mani libere», dello staff di legali e dei tecnici che mi ha seguito siamo arrivati a questo risultato che, di certo, ci inorgoglisce. Sono un imprenditorie e resto fiducioso: tutto sarà risolto nel migliore dei modi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400