Sabato 20 Ottobre 2018 | 11:13

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Bari»

Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Ba...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
Il caso a Roccanova (Pz)
Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100...

 
Il punto
«Tap arriverà comunque a Brindisi-Mesagne», parla il presidente Emiliano

Tap, Emiliano avverte: gasdotto arriverà a Brindisi-Mes...

 
Sanità
Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

 
Rivedi la diretta
La Voce Biancorossa presenta Marsala-Bari

La Voce Biancorossa presenta Marsala-Bari

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Lele è stato dimesso
Negramaro, tour rinviato: nuove date a Bari il 13 e 14 marzo 2019

Negramaro, tour rinviato: nuove date a Bari il 13 e 14 ...

 
Razzia in via Bastioni
Brindisi, immigrato distrugge vetriauto in sosta in centro: arrestato

Brindisi, immigrato distrugge vetri auto in sosta in ce...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

uno spiraglio dopo la raccolta di firme

Latiano: «Via quell'antenna»
Telecom disponibile a trattare

Via quell'antenna dal centroLa Telecom pronta a trattare

LATIANO - I cittadini di Latiano (i circa 1.200 firmatari di una petizione popolare) che da anni chiedono alla società telefonica di spostare l'antenna che insiste a poche decine di metri dalla piazza centrale del paese (deturpando così anche da un punto di vista paesaggistico il centro storico), potrebbero presto vedere accolta questa importante richiesta. Un tentativo mai avviato prima, neppure da tutte le precedenti amministrazioni che in questi lunghi 25 anni si sono succedute a quella che autorizzò quell'impianto (peraltro realizzato in ottemperanza alle leggi in materia).

Dopo la raccolta di firme organizzata dalla Associazione culturale «L'isola che non c'è», petizione consegnata nelle scorse settimane al Consiglio Comunale, che nel corso di una seduta monotematica sull'argomento ha approvato alla unanimità una mozione con la quale si dà incarico al sindaco di avviare una trattativa con la società telefonica interessata, ieri, la Telecom ha annunciato la disponibilità ad in incontrare nella prima settimana di dicembre il sindaco insieme ai rappresentanti della associazione. Obiettivo dell'incontro (richiesto con una lettera formale dal primo cittadino) è quello di verificare se esistono le condizioni per giungere concretamente allo spostamento in altro sito di quell'impianto.

«Si tratta - ha fatto intendere il responsabile della InWit (la società del gruppo Telecom), Tommaso Pariota - di verificare la disponibilità del Comune a cedere una area alternativa, senza ridurre il raggio di copertura che attualmente garantisce l'attuale struttura e nel rispetto della economicità dell'operazione».

Una apertura importante da parte della società telefonica che potrebbe cambiare l'immagine del centro storico del paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400