Domenica 17 Febbraio 2019 | 08:58

NEWS DALLA SEZIONE

I fatti del 2015-2016
Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto il Sassari 86-87

 
Le dichiarazioni
Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

 
Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

l'incidente 7 anni fa

Morì travolto da falesia
tre condanne a Brindisi

Morì travolto da falesiatre condanne a Brindisi

il luogo della tragedia

BRINDISI - Il presidente, il direttore e un guardaparco dell’oasi marina protetta di Torre Guaceto (Brindisi) sono stati condannati a pene fino a tre anni a conclusione di un processo per omicidio colposo che si è celebrato a Brindisi per la morte di un ricercatore, Paolo Rinaldi, 29enne di Taranto, rimasto schiacciato a causa di un crollo della falesia. Altri tre imputati sono stati assolti. Condannato anche il Consorzio di Torre Guaceto, in solido con i vertici, al risarcimento del danno nei confronti dei famigliari della vittima. Assolta la società per cui la vittima stava effettuando uno stage.
A Vincenzo Epifani, tuttora presidente del Consorzio, è stata inflitta la condanna ad un anno e sei mesi; tre anni, invece, inflitti al direttore Alessandro Ciccolella e due anni a Franco Nicola Marinò. Assolti Umberto ed Ettore Ruggiero, responsabili della società UniVersus, e il dirigente dell’Ufficio tecnico del Comune di Brindisi all’epoca dei fatti, Carlo Cioffi. Il giudice Giuseppe Biondi ha deciso una provvisionale di 25mila euro per ciascuno dei parenti della vittima che si sono costituiti parte civile.
I fatti risalgono all’ottobre del 2010: il costone si sbriciolò e travolse Rinaldi che quel giorno stava effettuando attività di ricerca in località Apani, all’interno dell’oasi marina protetta dove era in atto un progetto di mappatura e di studio del fenomeno dell’erosione del litorale brindisino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400