Lunedì 27 Maggio 2019 | 11:31

NEWS DALLA SEZIONE

Le proiezioni sui seggi
Gli europarlamentari pugliesi elettiGentile in forse, la Matera non ce la fa

Gli europarlamentari pugliesi eletti
Gentile in forse, la Matera non ce la fa

 
Scrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
Mafia
Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

 
A Bari, Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, tre denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
Elezioni
Europee, gli exit poll: Lega primo partito Pd avanti al M5S, seguono Fi e Fdi Puglia e Basilicata, al via gli scrutini

Europee, in Puglia M5S crolla ma è primo partito al 26%, Lega avanza al 25%, Pd al 16,6%. Basilicata, pentastellati al 29,6% Salvini al 23%

 
Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
La sentenza
Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Mala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

basket

Enel Brindisi
cerca il successo
a tutti i costi

enel basket brindisi

di FRANCO DE SIMONE

Eccola una di quelle partite che, al di là dei benefici che poi si potrebbero trarre da una sempre possibile vittoria, vorresti comunque vincere. Ed a Brindisi, stasera (si gioca alle 19,30) serve un successo a tutti i costi. Per il semplice motivo che una vittoria permetterebbe di continuare, se possibile, a tenere accesa la fiamma della speranza di accedere nella griglia del playoff. Che, per l’Enel Basket, poi sarebbe l’obiettivo stagionale. Certo, è altrettanto vero che la vittoria non darebbe alla squadra di coach Meo Sacchetti la certezza assoluta di mettere in cassaforte l’obiettivo per il quale in estate fu allestita la squadra, anche perché poi ci sono altre tra gare da disputare (Caserta e Venezia fuori) Capo d’Orlando (in casa); ma lascerebbe immutate le speranze di poter guardare il futuro con un pizzico in più di ottimismo. E perchè ciò possa realizzarsi, è scontato che tutte le componenti devono essere partecipi: in primis occorre una bella cornice di tifosi, poi, ciò che più d’ogni altra cosa conta, una Enel decisa ad affrontare al meglio Milano, che è indubbiamente «la squadra» del campionato; infine (ma non ultima), una direzione arbitrale che non faccia aprire ancora una volta le porte dei mugugni. Ma su questo tasto sui preferirebbe sorvolare.

Meo Sacchetti, allenatore della formazione brindisina, ieri pomeriggio ha anticipato i temi della gara di questa sera al PalaElio. Per la verità non c’è molto da dire sull’avversario odierno, atteso che per Brindisi è la terza volta che avrà a che fare con i giganti lombardi. E, visto che le altre due volte, Phil Goss, Amath M’Baye e soci hanno messo all’angolo, con sufficiente disinvoltura, il quintetto allenato da Gelsomino Repesa, è auspicabile che anche stasera si ripeta quanto visto, un anno fa, nel confronto con Milano. Quella vittoria fu la figlia prediletta della difesa brindisina. Sarà così anche stasera?

Sacchetti preferirebbe non parlare di ingresso nell’area playoff. Ma non si tira indietro. «Prima di parlare di playoff entriamoci». Lapalissiano, no? Nell’esporre il suo pensiero fa un salto anche alla gara, disputata e persa contro Pesaro che, per buona parte ha un bel po’ cancellato qualche speranza. «Domenica, riflettendo, ho pensato che avrei dovuto dare qualche minuto in più a Marco Spanghero. Forse non avrei fatto gravare di falli Phil Goss».

Poi la domanda: ma Brindisi merita i playoff? «Sono i risultati a ribadire se una squadra meriti o no di disputare i giochi finali. Sapete bene che il basket è fatto di risultati, chi li raggiunge va avanti».
Sulla gara con Milano, Sacchetti afferma: «È prima in classifica, per essa parlano i risultati. Nel corso della stagione ha avuto problemi di infortuni. Ora, finiti gli impegni di Coppa, sta recuperando qualche infortunato, ma resta il fatto, ed è indiscutibile, che Milano è la squadra più forte del campionato. Sull’Olimpia Milano non c’è molto altro da dire».
In effetti, degli avversari di stasera tutti sanno tutto. Ma una cosa è sapere, tutt’altro affrontarli i giocatori di Repesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400