Lunedì 22 Ottobre 2018 | 08:13

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento annullato
Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la polemica

Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la po...

 
Serie A
Basket, il Brindisi sconfitto all'ultimo dalla Dinamo Sassari: 84-90

Basket, il Brindisi sconfitto dalla Dinamo Sassari: 84-...

 
Il teatro
Il Margherita vi piace? I baresi decideranno se... cambierà colore

Il Margherita vi piace? I baresi decideranno se... camb...

 
Religione
Potenza, torna per la quarta volta la Madonna di Viggiano, patrona della Lucania

Potenza, il ritorno della Madonna di Viggiano, patrona ...

 
La proposta
Giochi del Mediterraneo 2015Comune di Taranto si candida

Giochi del Mediterraneo 2025 Comune di Taranto si candi...

 
L'iniziativa
A Racale il pranzo a colori per dire noalla mensa separati del comune di Lodi

A Racale il pranzo a colori per dire no alla mensa sepa...

 
Il parco divertimenti
Basilicata, attrazioni da brivido: la Disneyland green pronta a marzo

Basilicata, attrazioni da brivido: la Disneyland green ...

 
Lo studio Ue
Basilicata corrotta, ecco chi paga la mazzette: la ricerca dell'Università di Gotenborg

Basilicata corrotta, ecco chi paga la mazzette: la rice...

 
Italia a 5 Stelle
Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Cir...

 
Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni «Pestato da buttafuori...

 
Il sequestro della villa
La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip

«La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

terrorismo islamico

«Inneggiava all'Isis»
italiano di origine albanese
bloccato nel Barese

isis

BARI - Un percorso socio-spirituale finalizzato alla de-radicalizzazione è la novità assoluta introdotta dal Tribunale di Bari che ha notificato, su richiesta della locale Dda, un provvedimento di applicazione della sorveglianza speciale nei confronti del panettiere 35enne di origini albanesi Edmond Ahmetaj, cittadino italiano residente a Noci sospettato di apologia di terrorismo.

La frequentazione di un imam e della comunità islamica, che l'uomo si è dichiarato disponibile a fare, non sarà tuttavia un obbligo ma un invito perché diversamente, secondo i giudici della prevenzione, sarebbe una violazione costituzionale della libertà religiosa. Su questo punto la Procura Generale ha impugnato il provvedimento del Tribunale ritenendo che la decisione «rischia di iscrivere la matrice religiosa del terrorismo internazionale fra le libertà religiose tutelate dalla Costituzione». Secondo il pg di Bari un piano terapeutico di questo tipo invece è «volto a contrastare i comportamenti devianti che nulla hanno a che vedere con la libertà religiosa e che, anzi, alla difesa dei principi della libertà religiosa si ispirano contro le manipolazioni e la strumentalizzazione di questa, al fine di commettere crimini efferati».

Si tratta di un percorso che «consentirà di rieducarlo alla pacifica convivenza con le nostre collettività» ha commentato il Questore di Bari, Carmine Esposito. La sorveglianza speciale applicata al 35enne, della durata di due anni (e non tre come chiesto dalla Procura) prevede inoltre l’obbligo di dimora e di firma nel comune di Noci e il divieto di utilizzare internet. È proprio in rete, infatti, che il panettiere albanese avrebbe manifestato le sue idee radicali, con 'post’su Facebook relativi agli attentati di Parigi con commenti di disprezzo nei confronti dell’occidente e del popolo francese, una foto che lo ritrae mentre imbraccia un fucile mitragliatore pubblicata nel giorno del primo anniversario dell’attentato alla redazione parigina di Charlie Hebdo (7 gennaio 2016), la condivisione di immagini e video di azioni terroristiche del Daesh e scene di esecuzione di prigionieri, con commenti nei quali si afferma che il vero terrorismo è quello dei governi occidentali. C'è anche la foto di un bambino con un fucile accompagnata dalla dicitura "vecchio o bambino non c'è nessun problema a combattere quando la guerra è per Allah e per la sua patria».

Tutti questi elementi raccolti hanno indotto nelle scorse settimane il pm della Dda di Bari Isabella Ginefra e i giudici del Tribunale di Bari poi a ritenerlo un soggetto socialmente pericoloso tanto da ricorrere ad un provvedimento d’urgenza di divieto di espatrio con successiva applicazione della sorveglianza speciale.

Per Sharif Lorenzini, presidente della Comunità Islamica di Puglia, il percorso socio-spirituale finalizzato alla de-radicalizzazione avrà l’obiettivo di «rafforzare la persona, armarla di conoscenza e carattere per respingere eventuali tentazioni che possano derivare da organizzazioni criminali, da messaggio di inneggiamento alla violenza». «Il nostro ruolo - ha concluso - è dare loro strumenti conoscitivi e di metodo su come diventare cittadini pacifici, integrati nella società, che contribuiscono con la propria persona e anche con la propria fede religiosa allo sviluppo della società, che è ciò che insegna l’Islam».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400