Martedì 21 Gennaio 2020 | 03:02

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce calcio, il terzino Benzar ceduto al Perugia

Lecce calcio, il terzino Benzar ceduto al Perugia

 
Giustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

 
Ambiente
Istituto zooprofilattico Puglia-Basilicata: 25 dipendenti stabilizzati

Istituto zooprofilattico Puglia-Basilicata: 25 dipendenti stabilizzati

 
La decisione
Palagiustizia Bari, Agenzia Demanio realizzerà il nuovo polo

Palagiustizia Bari, Agenzia Demanio realizzerà il nuovo polo

 
L'iniziativa
Bari, l’Università va in Carcere: studenti e docenti a lezione tra i detenuti

Bari, l’Università va in Carcere: studenti e docenti a lezione tra i detenuti

 
Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 
Su Rousseau
Regionali 2020, M5s va al ballottaggio: in Puglia duello tra Laricchia e Conca

Regionali 2020, M5s va al ballottaggio: in Puglia duello tra Laricchia e Conca

 
L'evento
Maratona delle Sardine in Puglia 3 giorni in piazza per il Sud: «Per risvegliare la memoria»

Maratona delle Sardine in Puglia, 3 giorni in piazza per il Sud: «Per risvegliare la memoria»

 
L'iniziativa
Fs italiane, anche nelle stazioni di Bisceglie e Bari Santo Spirito una «sala blu» per assistenza disabili

Fs italiane, anche nelle stazioni di Bisceglie e Bari Santo Spirito una «sala blu» per assistenza disabili

 
Il caso
Taviano, lui muore in casa: la moglie malata, bloccata a letto, resta sola per ore

Taviano, anziano muore in casa per malore: la moglie, allettata, resta sola per ore

 
Il processo
Ex Ilva, in serata il deposito delle repliche dei commissari ex Ilva

Mittal, Tar boccia ricorso in As su bonifica. Stop Acciaieria 1, Usb: 250 esuberi mascherati

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceGiustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

 
BariIl concorso
Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate riciclate in un anno

Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate da riciclare in un anno

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 
TarantoIl processo
Ex Ilva, in serata il deposito delle repliche dei commissari ex Ilva

Mittal, Tar boccia ricorso in As su bonifica. Stop Acciaieria 1, Usb: 250 esuberi mascherati

 
MateraLa consegna
Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Tar su Rega

Niente scorta al giornalista
«Simulò il suo attentato»

nello rega

È accusato di aver simulato gli attentati contro di lui. Di qui la revoca della misura di protezione emesso dal Questore di Potenza nell’ottobre del 2011, provvedimento confermato dal Tar del Lazio a cui si era rivolto con un ricorso. Protagonista della vicenda è il giornalista potentino Nello Rega, che denunciò di essere stato intimidito dopo le inchieste sul mondo islamico e il suo libro «Diversi e divisi» proprio sul tema della convivenza fra islamici e cristiani. Oltre a respingere il ricorso, il Tar del Lazio ha condannato Rega al pagamento delle spese processuali. Il ricorrente, come dicevamo, ha impugnato il provvedimento con cui il questore revocò la misura di protezione «tutela su auto non specializzata», lamentandone l’illegittimità per eccesso di potere, difetto di motivazione, e altre violazioni di legge.

La misura era stata concessa in seguito a un presunto attentato subito mentre era alla guida della propria auto (denunciò di essere stato affiancato da sconosciuti che esplodevano contro di lui alcuni colpi di pistola).
Per il Tar «le motivazioni della revoca - si legge nella sentenza - si basano sulla segnalazione della stazione dei carabinieri di Potenza che riferiva dell’invito a comparire notificato al ricorrente quale persona sottoposta ad indagini per l’ipotesi di simulazione di reato, proprio con riferimento alla simulazione dell’attentato che aveva dato origine alla misura di protezione, nonchè ad altro episodio denunciato come minaccia alla sua persona».

La circostanza di essere indagato per simulazione di reato «proprio in ordine all’evento che ha determinato l’adozione della misura di protezione, in aggiunta ad altri comportamenti contrari all’accordo di protezione che hanno portato all’adozione di ben due diffide», per i giudici amministrativi «giustifica il provvedimento di revoca da parte dell’amministrazione che ritiene non sussistente una situazione di rischio per la persona del ricorrente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie