Venerdì 24 Settembre 2021 | 06:32

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

editoria

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano: «Auspico rapide decisioni»

Da domani il giornale sospende le pubblicazioni

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano: «Auspico rapide decisioni»

Bari - «La Gazzetta del Mezzogiorno è un patrimonio dell’intera comunità pugliese. E una interruzione della sua pubblicazione sarebbe un fatto insostenibile e grave per la collettività»: lo dice il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. «Per questa ragione auspico rapide decisioni che consentano la continuità della pubblicazione del giornale mettendo definitivamente in sicurezza dipendenti, giornalisti e poligrafici. Come Regione Puglia seguiamo la vicenda con estrema attenzione e apprensione. Sarebbe incredibile che dopo aver ottenuto dagli acquirenti tutte le condizioni per procedere al pagamento di tutti i creditori, il giornale non andasse più in edicola, senza risolvere immediatamente e definitivamente la lunga e drammatica crisi aziendale».

LA SITUAZIONE - Ieri sera, difatti, la Ledi srl ha  comunicato che «il contratto di affitto di azienda stipulato con i Curatori del Fallimento Edisud s.p.a., in forza del quale è stato possibile garantire la pubblicazione in regolare continuità editoriale de La Gazzetta del Mezzogiorno, dopo la dichiarazione di fallimento pronunciata dal Tribunale di Bari, cesserà di produrre i suoi effetti alla sua scadenza naturale del 31 luglio 2021. Con profondo rammarico, la Società ha manifestato la propria indisponibilità a prorogare l’esecuzione del fitto di azienda oltre la sua naturale scadenza del 31 luglio 2021 avendo registrato che le valutazioni formulate dal Comitato dei creditori e dai Curatori del Fallimento Mediterranea s.p.a. sulle proposte di concordato fallimentare pendenti dinanzi al Tribunale di Bari (fra cui quella formulata dalla stessa Ledi), non valorizzano, né sul piano formale né su quello sostanziale, la continuità aziendale e, così, ogni sforzo profuso dalla Ledi s.r.l. dallo scorso dicembre 2020 ad oggi. Fino ad oggi la Ledi, come a tutti noto, con una prudente e attenta riorganizzazione dell’attività, non solo ha garantito la regolare continuità editoriale ma ha anche valorizzato tutti gli asset delle due Curatele fallimentari (in primis, testata giornalistica e segni distintivi) acquisiti in godimento nello scorso dicembre, in un momento in cui da un canto l’esercizio provvisorio del Fall. Edisud s.p.a. disposto dal Tribunale in sede fallimentare produceva perdite giornaliere consistenti e dall’altro per giornalisti e poligrafici non vi erano più concrete prospettive di lavoro. A questo punto, la Ledi s.r.l. pienamente consapevole dei complessi problemi di natura editoriale e occupazionale derivanti dalla situazione che potrebbe crearsi con la cessazione dell’affitto d’azienda, rimane rispettosamente in attesa delle decisioni che i Creditori e il Tribunale di Bari vorranno assumere per dare soluzione a una delle più delicate crisi imprenditoriali del nostro Territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie