Sabato 08 Maggio 2021 | 07:26

NEWS DALLA SEZIONE

Covid
Puglia, da lunedì al via prenotazioni per 50-59enni, in ordine di età

Puglia, da lunedì al via prenotazioni per 50-59enni, in ordine di età

 
la parola alla prefettura
Puglia, il Tar chiede di riattribuire i seggi in consiglio regionale

Puglia, il Tar chiede di riattribuire i seggi in consiglio regionale

 
il tragico bollettino
Puglia, oltre 60 infortuni al giorno: numeri drammatici

Puglia, oltre 60 infortuni al giorno: numeri drammatici

 
Serie B
Il Lecce non va oltre il pari: con la Reggina in casa finisce 2-2

Il Lecce non va oltre il pari: con la Reggina in casa finisce 2-2

 
L'inchiesta
Poliambulatorio, a Martano lavori certificati e mai eseguiti: gli arresti

Poliambulatorio, a Martano lavori certificati e mai eseguiti: gli arresti

 
Tragedia sul lavoro
Schiacciato da contenitore mangimi: operaio di Montalbano Jonico muore a Parma

Schiacciato da contenitore con 14 quintali di mangimi: operaio di Montalbano Jonico muore a Parma

 
Sanità
Bari, appalto per la mensa all'Oncologico: chiarimento dell'ex dg Delvino

Bari, appalto per la mensa all'Oncologico: chiarimento dell'ex dg Delvino

 
al Via del Mare
Il Lecce calcio saluta Pierfrancesco, morto in un incidente in moto: fiori e striscione prima della partita

Il Lecce calcio saluta Pierfrancesco, morto in un incidente in moto: fiori e striscione prima della partita

 
nel foggiano
Monte S.Angelo, chi ha soccorso fratello boss Ricucci, ferito a colpi di pistola? Ricerche in corso

Monte S.Angelo, chi ha soccorso fratello boss Ricucci, ferito a colpi di pistola? Ricerche in corso

 
Il fatto
Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

 

Il Biancorosso

Serie C
De Laurentiis punta tutto sul Bari: "Inizia una guerra, voglio uomini veri"

De Laurentiis punta tutto sul Bari: "Inizia una guerra, voglio uomini veri"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'iniziativa
Patrick Zaki cittadino onorario di Taranto

Patrick Zaki cittadino onorario di Taranto

 
FoggiaTurismo
Isole Tremiti, vaccinazioni di massa

Isole Tremiti, vaccinazioni di massa

 
LecceCovid
Alunno positivo, chiusa un'altra scuola a Porto Cesareo

Alunno positivo, chiusa un'altra scuola a Porto Cesareo

 
BariLa festa e il covid
San Nicola, lo show sul sagrato della Basilica

San Nicola, lo show sul sagrato della Basilica

 
PotenzaPotenza
Incidente sulla Basentana, traffico in tilt

Incidente sulla Basentana, traffico in tilt

 
BatLa svolta
Barletta, pedone travolto e uccisoci sono tre indagati

Barletta, pedone travolto e ucciso
ci sono tre indagati

 

i più letti

L'operazione della GdF

Truffe alla Regione Puglia su contributi agricoli: arrestati avvocati, sequestro beni per oltre 22 mln, 23 indagati

In 6 sono finiti ai domiciliari, tra cui una cancelliera del Tribunale di Bari. Contestata l’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Bari sta eseguendo una serie di misure cautelari ai domiciliari. Riguardano gli avvocati che avrebbero truffato la Regione Puglia per circa 13 milioni di euro sulle indennità agricole. In sei sono finiti ai domiciliari: l'avvocato Michele Primavera e il figlio Enrico Domenico, gli avvocati Oronzo Panebianco e Assunta Iorio, Oronzo Pedico, presidente della sede provinciale di Asso-Consum di Barletta e Giuliana Tarantini, cancelliera della sezione Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Bari. Misura interdittiva per l'avvocatessa Francesca Fiore. Coinvolte anche altre due cancelliere del Tribunale per cui è scattata la richiesta di interdizione (la Procura originariamente ne aveva richiesto l'arresto). Sono 23 in tutto gli indagati.

Sequestrati beni per oltre 22 milioni. Contestate associazione a delinquere finalizzata alla truffa alla regione Puglia e corruzione in atti giudiziari. L'operazione prende il nome di "Leguleio", e le misure sono state firmate dal gip Giovanni Abbattista su richiesta dei pm Francesco Bretone e del procuratore di Bari facente funzioni Roberto Rossi. La Procura aveva chiesto in tutto 8 arresti in carcere.

CAUSE 'MOLTIPLICATE ALL'INFINITO' - A capo della presunta associazione per delinquere che avrebbe orchestrato per più di un decennio truffe milionarie ai danni della Regione Puglia c'era, secondo la Procura di Bari, l’avvocato barese Michele Primavera. «Con procure false o rilasciate in modo illegittimo» spesso tramite i patronati, i professionisti «intentavano migliaia di azioni giudiziali contro la Regione - si legge negli atti - per il recupero della indennità compensativa in agricoltura spettante agli agricoltori per gli anni 1989/1993, moltiplicandole con il ricorso all’abusivo frazionamento del credito».
Inoltre, «per impedire alla Regione una efficace difesa in giudizio, tramite la creazione di falsi domicili, intentavano azioni legali in varie parti d’Italia ricominciando le azioni esecutive all’infinito». Nelle sole annualità 2016-2018, gli inquirenti hanno calcolato 6.285 diverse procedure esecutive.

Il più stretto collaboratore di Michele Primavera, secondo le indagini della Gdf, era il collega Oronzo Panebianco. Oronzo Pedico, invece, presidente della sede provinciale di Asso-Consum di Barletta, «forniva i nomi degli agricoltori», era cioè il "procacciatore del portafoglio-clienti» del gruppo per i territori di Foggia e dell’alta Murgia. L’avvocatessa Assunta Iorio «predisponeva gli atti di precetto e individuava luoghi e indirizzi per le false domiciliazioni». Ognuno, secondo i magistrati, aveva un «ruolo ben determinato» con una precisa "ripartizione degli utili secondo percentuali prestabilite».

CANCELLIERA AGGIUSTAVA PRATICHE - Giuliana Tarantini, dipendente dell’ufficio esecuzione mobiliare del Tribunale di Bari, tra marzo e dicembre 2018 avrebbe percepito fino a mille euro al mese dallo studio legale Primavera per agevolarne le pratiche. La donna, finita oggi agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Bari su presunte truffe alla Regione, risponde di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari, falso e truffa.
Il suo compito sarebbe stato quello di «monitorare le iscrizioni a ruolo trasmesse telematicamente» dai legali dello studio Primavera, di apportare eventuali correzioni agli atti e anticipare «illegittimamente» le date delle udienze.
Nell’inchiesta sono indagate in stato di libertà anche altre due ex operatrici giudiziarie dell’ufficio esecuzioni civili del Tribunale di Bari, attualmente in pensione, accusate di aver alterato fascicoli di procedure esecutive in cambio di «pacchi regalo contenenti prodotti agroalimentari».

LO SCOPO DELLO STUDIO ERA MANDARE UFFICI REGIONE IN TILT - «Lo scopo dello studio Primavera è stato quello di sommergere la Regione Puglia di azioni giudiziarie in modo da mandarne in tilt gli uffici». E’ un passaggio dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale di Bari Giovanni Abbattista che ha portato oggi all’arresto di 6 persone, tra le quali tre avvocati e una dipendente del Tribunale di Bari, per presunte truffe alla Regione del valore complessivo di circa 22,3 milioni di euro dal 2006 al 2019.
Negli atti il gip ricostruisce il «sistema Primavera», in base al quale l’avvocato Michele Primavera e i suoi sodali professionisti, avviavano tanti diversi contenziosi dinanzi ai Giudici di Pace quante erano le annualità per le quali gli agricoltori avevano diritto ai contributi, in questo modo moltiplicando i compensi, e «in diversi uffici d’Italia costituendo falsi domicili in modo da rendere impossibile per la Regione costituirsi in giudizio».
Il giudice parla di «continuum inarrestabile di illegalità», evidenziando che «le attività illecite sono ancora in corso perché la tesoreria regionale continua ad eseguire pagamenti, per cifre importanti, in favore degli avvocati» indagati.

PROFITTI RICICLATI IN IMMOBILI - Reimpiegavano le somme di denaro indebitamente percepite dalla Regione in attività economiche, soprattutto compravendite immobiliari e trasferimenti di soldi su conti all’estero, attraverso società riconducibili alla famiglia Primavera. Si basano si questa ipotesi le accuse di riciclaggio e autoriciclaggio contestate ad alcuni degli indagati nell’inchiesta della Procura di Bari su presunte truffe per 22,3 milioni di euro ai danni della Regione Puglia, che ha portato oggi all’arresto di sei persone. I fatti riguardano compensi legali pagati dalla Regione per migliaia di contenziosi su indennizzi in agricoltura dal 2006 al 2019.
Tra i beni acquistati attraverso la società 'Polo immobiliare d’eccellenza', impiegando i profitti delle presunte truffe attraverso «travasi» di denaro a diverse altre società, tutte di fatto amministrate dall’avvocato Michele Primavera e dai suoi familiari e soci di studio, ci sono una ventina di immobili a Bari, Roma, Napoli, Cosenza e Novara, oltre a versamenti di centinaia di migliaia di euro su conti correnti in Svizzera. 

EMILIANO: «LA REGIONE SI COSTITUIRA' PARTE CIVILE NEI PROCESSI» - “Le ipotesi accusatorie, avanzate dalla Procura e avallate dal Gip di Bari, a seguito di un capillare ed encomiabile lavoro svolto dagli organi investigativi, dimostrano che questa Amministrazione  è stata lungimirante. Esprimo profonda gratitudine al Procuratore dott. Rossi e al Sost. dott. Bretone per l'impegno fin qui profuso nella conduzione dell'attività di indagine e pertanto dichiaro che da subito la Regione Puglia si costituirà parte lesa nel procedimento penale e successivamente si costituirà parte civile per ottenere il risarcimento di tutti i danni patiti, sostenendo l'impianto accusatorio. Un doveroso ringraziamento anche al Capo dell’Avvocatura Rossana Lanza e al suo Ufficio per il fondamentale ruolo svolto nell’accertamento della verità”, dichiara il presidente Michele Emiliano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie