Martedì 09 Agosto 2022 | 03:19

In Puglia e Basilicata

Morta al Rave party L'autopsia: Laura non si è bucata

Morta al Rave party L'autopsia: Laura non si è bucata
Il medico legale Roberto Vaglio ha effettuato l'autopsia sul cadavere di Laura Lamberti, la 23enne di Potenza, trovata morta ieri mattina a Diso (Lecce), nelle cui campagna di svolgeva un rave party. Tecnicamente, la giovane è morta per un edema polmonare, che però costituisce l'effetto e non la causa della patologia. Quindi non si esclude che droga e/o alcol l'abbiano stroncata. Vaglio, però, ha appurato che sul corpo non c'erano lesioni, tantomeno prodotte dal buco della siringa
• Alcol, droga e giovani: interrogazione di Latronico (Pdl)
• Laura ha spedito un sms alla mamma prima di morire: ti voglio bene
• Una Woodstock salentina finita in tragedia
• «In migliaia tra gli ulivi, hanno distrutto i nostri terreni»
• Dj Aniceto: bisognerebbe vietare i rave come in Francia
• Tra i rave sei vittime in due anni
• Giovane lucano stroncato da overdose a Torre dell'Orso (Lecce)
• Don Rigoldi: ragazzi senza futuro

17 Agosto 2009

LECCE - Probabilmente un miscuglio di alcol e droga ha ucciso Laura Lamberti, la 23enne di Potenza, figlia di una coppia di medici, trovata morta ieri mattina a Diso (Lecce), nelle cui campagna di svolgeva un rave party con migliaia di ragazzi giunti da ogni dove, anche dall’Estero, e lì datisi convegno via Internet. 

Il condizionale è d’obbligo, perchè a tale considerazione, i carabinieri sono giunti dopo l'autopsia effettuata stamattina dal medico legale Roberto Vaglio su incarico della sostituto Angela Rotondano. Che la 23enne possa essere stata uccisa da droga ed alcol, al momento lo dice solo la sua storia personale. Anche per voce di chi l'aveva conosciuta al rave party, e che lo ha poi riferito ai militari, la giovane era dedita all’uso delle droghe, e per questo era stata in cura in una comunità. Dalla quale si era allontanata per raggiungere la Spagna. Dove la sapevano i genitori, che più volte avevano tentato di farla tornare a casa, e che non lo vedevano e sentivano da Natale scorso. 

La certezza si avrà solo con gli esami di laboratorio. Il dottor Vaglio ha infatti proceduto ai prelievi di sangue, urine, bile, capelli e quant'altro. Il responso potrà aversi solo fra un paio di mesi. 

Durante l’esame, il professionista ha anche appurato che sul corpo non c'erano lesioni, tantomeno prodotte dal classico buco della siringa. Laura Lamberti non si è bucata. Tecnicamente, la giovane è morta per insufficienza respiratoria. In pratica per un edema polmonare, che costituisce l’effetto e non la causa della patologia. Che sarà appunto chiarita dagli esami di laboratorio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725