Sabato 12 Giugno 2021 | 13:31

NEWS DALLA SEZIONE

giustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Il blitz
San Severo, rapina all'eurospin

San Severo, assalto all'Eurospin: presa la baby gang

 
Il caso
Foggia, gira in città con un cartello con insulti a Procuratore Vaccaro: fermato

Foggia, gira in città con un cartello con insulti a Procuratore Vaccaro: fermato

 
Vaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
Criminalità
Biccari, assalto al bancomat della Popolare pugliese

Biccari, assalto al bancomat della Popolare pugliese

 
ricerche sospese
Specchia, rintracciato a Bari il ragazzo scomparso

Specchia, rintracciato a Bari il ragazzo scomparso

 
Il caso
Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

 
la richiesta
Taranto, l’associazione Genitori Tarantini: «Vogliamo parlare con Letta»

Taranto, l'associazione Genitori Tarantini: «Vogliamo parlare con Letta»

 
Contrasto alla criminalità
Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

 
Calcio
Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

il nodo europeo

«Rischiamo più burocrazia: l’Italia riparta dalla libertà», la parola all'economista De Nicola

Il moltiplicarsi della regolamentazione è il pericolo maggiore

«Rischiamo più burocrazia: l’Italia riparta dalla libertà», la parola all'economista De Nicola

In che acque navigherà l’Italia dopo il Coronavirus? Apriamo oggi un ciclo di interviste a economisti, giuristi e sociologi per capire cosa attende il nostro Paese oltre il guado della pandemia. La prima conversazione è con Alessandro De Nicola, economista di ispirazione liberale, avvocato e presidente della Adam Smith Society.

Professor De Nicola che tipo di Italia emergerà dalla fine della pandemia?

«Sicuramente un’Italia più povera e più indebitata. E penso sia una conseguenza inevitabile. Non c’è alcun Paese, tra quelli toccati in maniera significativa dall’emergenza, che avrà sorte diversa».

Ma non c’è un pericolo che aleggia in modo particolare sul futuro del nostro Paese?

«Sì, uno c’è. Cioè il rischio che l’Italia esca da questa vicenda ancora più regolamentata, anziché snellita. Questa è una cosa che dobbiamo assolutamente evitare».

Si riferisce all’ingigantirsi della burocrazia?

«Sorvolerò per carità di patria sul moltiplicarsi grottesco delle autocertificazioni, ma ci sono grandi e piccole storie che segnalano una deriva pericolosa. Dal poliziotto che discrezionalmente multa l’omino per essere uscito a comprare del vino, non giudicandola una necessità valida, all’imprenditore che non riesce a importare mascherine perché schiacciato dalla burocrazia. Spero che tutto questo sia solo dovuto al panico e non ad una recrudescenza dei nostri vizi. E mi lasci dire: quanto utili ci sarebbero stati i voucher per irrobustire quei pochi servizi ancora attivi, dalla vendita degli alimentari alla distribuzione domiciliare? La Storia dovrebbe aver insegnato qualcosa».

E cioè?

«La crescita italiana nel Dopoguerra fu vorticosa, seppur disordinata, in quanto libera: apertura delle frontiere del commercio estero, adesione al mercato comune, poche tasse, politica di bilancio prudente. Ecco, noi dovremmo cogliere questa occasione per disboscare la nostra burocrazia».

Qualcuno sostiene che l’emergenza ci abbia dato un altro suggerimento: investire di più nella sanità pubblica.

«Negli ultimi vent’anni la spesa per la sanità è aumentata passando dal 5,5% al 6,5% del Pil. Sono svariati miliardi. Il punto è come questi soldi vengono impiegati. E poi c’è tutto il problema della concorrenza con il solito odio atavico verso il privato: ma in Lombardia senza il San Raffaele, il San Donato e l’Humanitas come avrebbero fatto? Non sono ospedali per ricchi: sono ospedali per tutti gestiti con criteri di economicità. Chi se lo può permettere va con una assicurazione e questo non è un male, anzi è un bene».

L’esempio americano, però, fa rizzare i capelli.

«Sì, ma quello americano è un sistema disordinato, che non funziona, con blocchi in entrata e in uscita. Non è affatto un buon esempio di libero mercato. Invece una sana concorrenza fra pubblico e privato può far molto. E ricordo, per inciso, che chi ricorre all’assicurazione sta gravando di un costo il Sistema sanitario nazionale».

Cambiamo sequenza e proiettiamoci a Bruxelles. Crede davvero che questa possa essere la fine dell’Unione europea?
«Non le nascondo che il rischio c’è».

Il continente è spaccato in due: da una parte i falchi del Nord, dall’altra i Paesi mediterranei in difficoltà. Chi ha ragione?
«La solidarietà o è cristiana, cioè a fondo perduto, o esiste perché c’è qualcuno che la finanzia. In questo caso i Paesi del Nord dovrebbero dare garanzie per gli Eurobond, cosa che non vogliono fare, e quelli del Sud, da parte loro, arrivare a un compromesso. E anche qui c’è reticenza».

Quindi sbagliano tutti?

«I Paesi del Sud hanno molte colpe nella gestione dei loro bilanci, non c’è dubbio, ma - ed è un richiamo alla Germania - ci sono momenti eccezionali della Storia in cui bisogna avere un atteggiamento diverso. Ecco, l’Italia e gli altri sono stati un po’ indisciplinati ma non è un buon motivo per non aiutarli».

Anche perché se l’Italia fallisce...

«Sì appunto. La Germania deve capire che non si tratterebbe di vedere il vicino di casa che si butta dal balcone e muore nel suo giardino, in silenzio e senza contraccolpi. Lo scenario è un altro: al vicino esplode il garage e tutti ci vanno di mezzo».

Gli Eurobond sono lo strumento giusto?

«Vede, non sono contrario agli Eurobond, ormai ridotti quasi a un feticcio, ma si tratta di uno strumento “lungo”, non aiutano nell’immediato. Sarebbero stati molto più preziosi tre mesi fa, con una economia stagnate che aveva bisogno di ripartire».

Quindi cosa resta?

«Resta il Mes: aiuti immediati in cambio di riforme».

Proprio quelle riforme, con annessa Troika, spaventano...

«Nella situazione attuale è lo strumento più adatto. E poi la Troika non c’è più e il Mes si può usare in versione light».
Infine professore, in molti, perfino i sovranisti, puntano su Mario Draghi per l’immediato futuro. Le piacerebbe vederlo alla guida del Paese?

«Come italiano sì, ma se fossi in Draghi mi chiederei come tenere insieme una maggioranza litigiosa che andrebbe dal Pd al M5S alla Lega. Solitamente quelli sono d’accordo solo su una cosa: fare ancora più spesa pubblica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie