Mercoledì 24 Aprile 2019 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La foto

Lecce, la scritta shock «Non sparare a salve, spara a Salvini» è stata cancellata

È comparsa sul muri del complesso Studium 2000. Il Ministro aveva commentato, 'idioti, non mi faccio intimidire'

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

LECCE - E’ stata resa illeggibile la scritta 'Non sparare a salve, spara a Salvini' comparsa ieri sul muro di cinta del complesso Studium 2000 a Lecce. Lo rende noto il presidente dell’Osservatorio 'Anni di piombò Potito Perruggini che stamattina si è recato sul posto e ha avuto contatti con la prefettura salentina. Il ministro, come spesso accade in questi casi, aveva commentato su facebook: «Idioti, penosi, sfigati. Spero vi becchino. Avete trovato il ministro sbagliato, non mi faccio intimidire».
«Mi auguro - dice Perruggini - che si apra un procedimento penale affinché vengano tempestivamente individuati gli artefici di queste scritte e che ne subiscano le dovute conseguenze. Bisogna far capire che le parole hanno un peso e non bisogna lasciar correre perché sappiamo bene a quali conseguenze potremmo andare incontro. È fondamentale monitorare e denunciare ogni singolo segnale di questo tipo esercitando una cittadinanza responsabile e attiva in collaborazione con le forze dell’ordine».

SASSO (LEGA) "GESTO IDIOTA DA NON SOTTOVALUTARE"- «Ancora una volta qualche idiota si è reso protagonista di un gesto tanto ignobile quanto codardo. Questo è infatti incitare a sparare a Salvini imbrattando muri con lo spray. Ho il vago sospetto che a compiere questo schifo siano stati personaggi vicini ai centri sociali, che a Lecce si sono già resi protagonisti di simili gesta. Proprio oggi ero con Salvini a Matera dove ho visto ancora una volta, se ce ne fosse ulteriore bisogno, l’affetto del popolo nei confronti del nostro Ministro dell’Interno. Ecco, chi auspica violenze e spari contro Salvini è un nemico del popolo italiano. Auspico che i responsabili vengano individuati e condannati. Tali gesti non vanno sottovalutati, la speranza è che tutti abbassino i toni compresi gli intellettualoni che attaccano ed insultano Salvini un giorno si è l’altro pure». Lo afferma in una nota il deputato pugliese della Lega Rossano Sasso, in riferimento alle scritte minacciose apparse oggi a Lecce contro Salvini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400