Martedì 26 Marzo 2019 | 05:31

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

 
Inquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
La protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
L'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
In Puglia e Basilicata
Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

 
Il caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
Gli arresti
Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

 
L'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
Lotta all'inquinamento
Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Dopo gli arresti

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Nuova accusa per l'ex pm. Interrogati due poliziotti: «Notificarono un avviso di garanzia falso per reati fiscali»

Ex pm Trani arrestato: «Savasta insabbiò l'indagine su Giancaspro»

L'ex pm Savasta

Un avviso di garanzia per reati fiscali, notificato a un noto imprenditore di Corato. Il sospetto, fortissimo, che possa trattarsi di una indagine fantasma, con un numero di «Rg» che non trova corrispondenza nei registri informatici della Procura di Trani. È l’oggetto di un nuovo filone di inchiesta partito da Lecce sui magistrati arrestati il 13 gennaio con le accuse - tra l’altro - di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e abuso d’ufficio.
I carabinieri, su delega della pm Roberta Licci, hanno ascoltato due poliziotti del commissariato di Corato, lo stesso ufficio dove era in servizio l’ispettore Vincenzo Di Chiaro, anche lui finito in carcere con l’accusa di far parte dell’associazione per delinquere che avrebbe truccato le indagini in cambio di soldi da parte dell’imprenditore Flavio D’Introno, il primo «pentito» del «Tranigate». Non l’unico. Perché anche D’Introno, durante un interrogatorio, avrebbe fatto una serie di ammissioni sia a proposito delle contestazioni contenute nell’ordinanza di custodia cautelare, sia su una serie di circostanze nuove.


La stranezza del caso oggetto delle verifiche affidate ai Carabinieri di Lecce è proprio l’irritualità della notifica di una indagine per reati fiscali, a firma del pm Savasta, effettuata dalla Polizia di Stato: per questo sono stati ascoltati i due agenti che l’hanno effettuata. Ma soprattutto, del fascicolo per false fatture a carico dell’impresa di cui parliamo, non ci sarebbe traccia al «Re.ge.» della Procura di Trani. I magistrati salentini vogliono chiarire proprio queste circostanze, oltre che il ruolo assunto da un avvocato di fiducia degli imprenditori. Imprenditori che - se i sospetti saranno confermati - assumerebbero la veste di vittime.


E se fosse così, non sarebbe la prima volta che Savasta fa ricorso ad atti falsi per ottenere qualcosa da alcuni imprenditori. La Procura di Lecce gli ha già contestato un modus operandi simile nel caso di un’indagine aperta su denuncia di Giuseppe D’Introno, fratello di Flavio, anche lui indagato. Un fascicolo che - sempre secondo l’accusa, riassunta nell’ordinanza di custodia cautelare - sarebbe servito a mettere in piedi un «golpe aziendale». Per questa storia la Procura contesta tra l’altro a Savasta, Di Chiaro e all’altro poliziotto Francesco Palmentura i reati di falso ideologico, falso materiale e soppressione di atti.
«Nel maggio del 2016 - ha messo a verbale Flavio D’Introno - mio padre si trovava in Brasile. Approfittando della sua assenza ho tentato di far convocare l'assemblea dei soci per acquisire il controllo dell’azienda San Nicola. L’ordine di convocazione fu emesso da Savasta per farmi un favore perché non rientrava nelle competenze del pubblico ministero. L’ordine di convocazione fu mostrato al commercialista Strippoli perché convocasse l’assemblea. Non doveva essere notificato ma solo esibito».

Un «favore» che D’Introno dice di aver pagato 30mila euro a Savasta, nell’ambito dei 300mila che l’imprenditore afferma di aver consegnato all’ex pm. «Effettivamente - annota l’accusa - il 16 ed il 17 maggio 2016 sono state intercettate diverse conversazioni che provano quanto di seguito riportato: Di Chiaro ed il collega Palmentura nei giorni del 16 e 17 maggio si sono recati presso il commercialista e presidente del collegio sindacale Strippoli Cataldo per acquisire della documentazione e fargli convocare l’assemblea dei soci cosi come indicato da D’Introno». Ma dopo che Cataldo si è presentato da Savasta per chiedere spiegazioni su quello strano atto (peraltro inutile, perché Flavio D’Introno non aveva comunque la maggioranza), il magistrato dà tutta la colpa ai poliziotti e li richiama per far sparire la copia dell’atto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400