Giovedì 21 Febbraio 2019 | 02:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

La tragedia nel 2008

Molfetta, da rifare il processo «Truck center»: Cassazione annulla assoluzioni

Il 3 marzo di 11 anni fa morirono 5 operai per le esalazioni di acido solfidrico. Gli ermellini rinviano gli atti a una nuova Corte di appello di Bari

Molfetta, da rifare il processo «Truck center»: Cassazione annulla le assoluzioni

3 marzo 2008: muoiono 5 operai

Colpo di scena in Cassazione nel processo sulla tragedia alla «Truck center», l'azienda di Molfetta dove il 3 marzo del 2008 morirono cinque operai per le esalazioni di acido solfidrico da una cisterna utilizzata per il trasporto dello zolfo. I giudici della IV sezione penale di piazza Cavour hanno annullato con rinvio la sentenza con cui la Corte di appello il 19 luglio di due anni fa assolse tutti gli imputati. Tutto da rifare, quindi. Gli ermellini, con una decisione di venerd' sera, hanno così accolto la richiesta del procuratore generale che ha parlato per circa un'ora dinanzi ai giudici del collegio (relatore Donatella Ferranti) vedendo accolta la sua istanza. Non si conoscono le motivazioni del provvedimento, di certo sulla vicenda dovrà pronunciarsi una nuova sezione della Corte di appello di Bari.

La Corte di Appello di Bari, nell'estate del 2017, assolse la maggior parte degli imputati con la formula «per non aver commesso il fatto». In altri casi dichiarò spirato il termine temporale della prescrizione dei reati, prescrizione della quale hanno potuto beneficiare i nove imputati accusati di omicidio colposo aggravato. In secondo grado fu dunque ribaltato il giudizio di condanna del primo grado.

Nella sentenza di secondo grado furono assolte anche tre delle quattro società coinvolte nel processo, FS Logistica-B.U. Cargo Chemical Spa, La Cinque Biotrans Snc, Nuova Solmine Spa. Confermata la responsabilità della società Truck Center Sas per violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro (con riduzione della sanzione amministrativa a 300mila euro) il cui titolare, il 64enne Vincenzo Altomare, fu una delle vittime.

Nel tragico incidente persero la vita il titolare della piccola impresa di costruzioni, Altomare, gli operai Luigi Farinola, di 37 anni, Guglielmo Mangano, di 44, Michele Tasca, di 19, e l’autotrasportatore Biagio Sciancalepore, di 24 anni. L’indagine sulla Truck Center di Molfetta, coordinata dalla Procura di Trani, diede avvio a diversi procedimenti penali. Il primo processo riguardava i dirigenti della Fs Logistica, proprietaria della cisterna, Alessandro Buonopane e Mario Castaldo, e Pasquale Campanile, dirigente della società «La 5 Biotrans», incaricata del trasporto della cisterna alla Truck Center. In primo grado, il 26 ottobre 2009, i tre furono condannati alla pena di 4 anni di reclusione dal Tribunale Monocratico di Trani.

Il secondo processo - poi riunito all’altro in appello, - coinvolgeva dirigenti e dipendenti della Nuova Solmine di Grosseto, l’azienda in cui la cisterna venne svuotata dello zolfo liquido caricato all’Eni di Taranto e poi ripartita vuota verso la Puglia. In primo grado, l’11 luglio 2014, il Tribunale di Molfetta condannò alla pena di 2 anni e 9 mesi di reclusione l’ad Ottorino Lolini, il presidente Luigi Mansi, il direttore dello stabilimento Giuliano Balestri e i dipendenti Gabriele Pazzagli e Mauro Panichi.

Sulla vicenda Truck Center un terzo procedimento, conclusosi in abbreviato nel 2011 con tutte assoluzioni, riguardò sette dirigenti Eni e la stessa società, coinvolta in quanto produttrice dello zolfo liquido trasportato nella cisterna. Contro la sentenza di asosluzione, propose ricorse per Cassazione anche il Comune di Molfetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400