Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Il gesto simbolico

Taranto, 26enne muore di tumore: nella bara la pergamena di laurea

Il Rettore del Politecnico Bari: Lo abbiamo aiutato come un figlio

medici in corsia

TARANTO - Strappato alla vita a 26 anni da un tumore e ad un soffio dalla laurea. Così se n'è andato Domenico Palmisano studente universitario di Palagiano (Taranto) sconfitto da un tumore il 5 febbraio scorso, a cui è stata assegnata la laurea alla memoria in ingegneria informatica. Domenico lottava da mesi contro il cancro e nonostante la grave malattia era riuscito a sostenere anche l'ultimo esame, dal letto di ospedale, per coronare il suo sogno di diventare ingegnere informatico. Ma il suo cuore ha smesso di battere prima che potesse sostenere la tesi e festeggiare la laurea. Per questo i suoi familiari hanno deciso di mettere la pergamena nella bara, accanto a lui. «Il lutto della famiglia Palmisano, per la scomparsa del loro caro Domenico, è anche il nostro». Così ha commentato il rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio, in merito alla morte del 26enne. Ieri si sono svolti i funerali in una chiesa gremita, dove il feretro è stato salutato con centinaia di palloncini bianchi e neri. Era tifosissimo della Juventus e avrebbe voluto incontrare Cristiano Ronaldo. Domenico è riuscito a sostenere l'ultimo esame, il 29 gennaio, grazie alla disponibilità del Politecnico che ha inviato la commissione in ospedale. «Come comunità accademica, prima ancora che come istituzione, ci siamo adoperati - precisa il rettore - per aiutarlo a coronare il sogno della laurea, accelerando al massimo tutta la procedura amministrativa e dandole priorità su tutte le altre. Ognuno si è adoperato come si trattasse di un figlio». «Quando abbiamo saputo che la malattia lo aveva portato via, martedì scorso 5 febbraio, era già tutto pronto per la seduta di laurea e la festa», ha concluso il rettore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400