Martedì 20 Agosto 2019 | 04:00

NEWS DALLA SEZIONE

Malendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
Immunità penale
Taranto, decreto salva Ilva: tarda pubblicazione in Gazzetta ufficiale

Taranto, decreto «salva Ilva»: slitta pubblicazione in Gazzetta ufficiale

 
Il match
Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio e la curva si accende con i cell

Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio: curva illuminata con i cell

 
Serie A
Il Lecce si prepara al match con l'Inter: operato Maccariello

Il Lecce si prepara al match con l'Inter: operato Maccariello

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
Serie c
Bari calcio, si riprende domani: obiettivo Serie B

Bari calcio, si riprende domani: obiettivo Serie B

 
La storia a lieto fine
Potenza, il treno parte e lui resta a bordo: papà "abbandona" figlia a terra

Potenza, il treno parte e lui resta a bordo: papà «lascia» figlia a terra

 
viabilità
L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

 
La denuncia
«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

 
Nel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi segretario comunale a Roseto Valfortore»

 
L'arresto
Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

 
LecceMalendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
MateraDopo il rogo
Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

 
PotenzaIl caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 
BariIl restyling
Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

 
BatIl caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
FoggiaGiovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

Sospetto sabotaggio

Bisceglie, topo in ospedale: «È stato messo apposta»

Esposto della Asl in Procura a Trani. I Nas: è entrato dalla porta principale

Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

BISCEGLIE - La posizione «strana» in cui è stato filmato il topo, peraltro immobile quando è stato catturato e messo in un sacco di plastica. La dichiarazione dell’addetto alle pulizie, secondo cui la porta della stanza è stata rinvenuta socchiusa ed il roditore era già a terra morto, e quella della paziente che aveva occupato la camera fino al mattino trovandola «in perfette condizioni igieniche». Ancora, l’identità degli autori del video, due volontari di una associazione di Trani che erano lì per trasferire una paziente e che hanno lasciato registrati nel video alcuni commenti scandalizzati. Il caso del topo che passeggiava sullo stipite di una porta del reparto di Malattie infettive all’ospedale di Bisceglie ha fatto il giro d’Italia. Ma a fronte di troppe circostanze dubbie, il direttore generale della Asl Bat, Alessandro Delle Donne, ha preso carta e penna: un esposto di 25 pagine, depositato in Procura a Trani, racconta una storia che merita di essere approfondita.

Il sospetto, che dovrà ora essere approfondito dalle indagini delegate ai carabinieri del Nas, è che possa essersi trattato di un gesto premeditato, forse un sabotaggio, legato alle polemiche locali che stanno accompagnando la disattivazione dell’ospedale di Trani (decisa nell’ambito del Piano di riordino della Regione), oppure ad alcuni appalti che riguardano le associazioni. L’«accusa» alla Asl, portata avanti da sedicenti comitati di cittadini e approdata poi anche in dichiarazioni politiche, è che si sarebbe voluto favorire l’ospedale di Bisceglie a scapito di quello di Trani. E dunque - è la tesi, tutta da verificare - qualcuno potrebbe aver voluto tendere una trappola al direttore generale Delle Donne, facendo in modo che l’ospedale di Bisceglie apparisse poco sicuro per i pazienti.

I militari hanno già effettuato un sopralluogo, verificando la presenza di protezioni a tutte le aperture dell’edificio e constatando che il topo può essere passato soltanto dall’ingresso principale dell’ospedale, percorrendo 150 metri e superando tre porte (una delle quali chiusa e apribile solo dall’interno, dopo aver suonato a un citofono) per arrivare infine in reparto e di lì alle stanze di degenza. Sarebbero insomma state necessarie troppe coincidenze insieme, per non parlare del fatto che il roditore sarebbe dovuto passare inosservato ad almeno mezza dozzina di addetti (oltre che alle persone che si trovavano nella sala d’aspetto antistante il reparto): più facile invece che il topo - che appariva «scoagulato» dopo la cattura - possa essere stato introdotto dall’esterno.

«È doveroso fare chiarezza», dice il dg Delle Donne che sottolinea «la grande collaborazione, spontanea, ottenuta dalle persone che erano presenti quel giorno in ospedale e che dunque hanno conoscenza diretta dei fatti». L’esposto ha ricostruito anche il «percorso» del video, partito da un sito locale di Trani e poi approdato (dopo 30 minuti) su quello di un tg nazionale: come se - ipotizza la Asl - qualcuno si sia occupato di diffonderlo puntando a ottenerne la massima diffusione. Se il roditore fosse finto, in base all’esposto l’ipotesi di reato sarebbe il procurato allarme, mentre se fosse vero si tratterebbe di un attentato alla salute pubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie