Domenica 21 Aprile 2019 | 22:50

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
Maltempo
Puglia, allerta Protezione civile: rischio burrasca fino a mercoledì

Puglia, allerta Protezione civile: rischio burrasca fino a martedì

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
L'inchiesta
Emiliano, la Procura indaga su chi finanziò le primarie Pd

Emiliano, la Procura indaga su chi finanziò le primarie Pd

 
Corte dei Conti
Sede Regione Puglia, nuova indagine: dopo le plafoniere, le guarnizioni

Sede Regione Puglia, nuova indagine: dopo le plafoniere, le guarnizioni

 
Sanità
Diabete, via l'ago ecco i sensori: saranno gratis, ma non per tutti

Diabete, via l'ago ecco i sensori: saranno gratis, ma non per tutti

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Sanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
Un 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
Curiosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
Le feste e il lavoro
Pasqua, centri commerciali chiusi in Puglia. «Guerra» su Pasquetta e 25

Pasqua, centri commerciali chiusi in Puglia. «Guerra» su Pasquetta e 25

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Sospetto sabotaggio

Bisceglie, topo in ospedale: «È stato messo apposta»

Esposto della Asl in Procura a Trani. I Nas: è entrato dalla porta principale

Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

BISCEGLIE - La posizione «strana» in cui è stato filmato il topo, peraltro immobile quando è stato catturato e messo in un sacco di plastica. La dichiarazione dell’addetto alle pulizie, secondo cui la porta della stanza è stata rinvenuta socchiusa ed il roditore era già a terra morto, e quella della paziente che aveva occupato la camera fino al mattino trovandola «in perfette condizioni igieniche». Ancora, l’identità degli autori del video, due volontari di una associazione di Trani che erano lì per trasferire una paziente e che hanno lasciato registrati nel video alcuni commenti scandalizzati. Il caso del topo che passeggiava sullo stipite di una porta del reparto di Malattie infettive all’ospedale di Bisceglie ha fatto il giro d’Italia. Ma a fronte di troppe circostanze dubbie, il direttore generale della Asl Bat, Alessandro Delle Donne, ha preso carta e penna: un esposto di 25 pagine, depositato in Procura a Trani, racconta una storia che merita di essere approfondita.

Il sospetto, che dovrà ora essere approfondito dalle indagini delegate ai carabinieri del Nas, è che possa essersi trattato di un gesto premeditato, forse un sabotaggio, legato alle polemiche locali che stanno accompagnando la disattivazione dell’ospedale di Trani (decisa nell’ambito del Piano di riordino della Regione), oppure ad alcuni appalti che riguardano le associazioni. L’«accusa» alla Asl, portata avanti da sedicenti comitati di cittadini e approdata poi anche in dichiarazioni politiche, è che si sarebbe voluto favorire l’ospedale di Bisceglie a scapito di quello di Trani. E dunque - è la tesi, tutta da verificare - qualcuno potrebbe aver voluto tendere una trappola al direttore generale Delle Donne, facendo in modo che l’ospedale di Bisceglie apparisse poco sicuro per i pazienti.

I militari hanno già effettuato un sopralluogo, verificando la presenza di protezioni a tutte le aperture dell’edificio e constatando che il topo può essere passato soltanto dall’ingresso principale dell’ospedale, percorrendo 150 metri e superando tre porte (una delle quali chiusa e apribile solo dall’interno, dopo aver suonato a un citofono) per arrivare infine in reparto e di lì alle stanze di degenza. Sarebbero insomma state necessarie troppe coincidenze insieme, per non parlare del fatto che il roditore sarebbe dovuto passare inosservato ad almeno mezza dozzina di addetti (oltre che alle persone che si trovavano nella sala d’aspetto antistante il reparto): più facile invece che il topo - che appariva «scoagulato» dopo la cattura - possa essere stato introdotto dall’esterno.

«È doveroso fare chiarezza», dice il dg Delle Donne che sottolinea «la grande collaborazione, spontanea, ottenuta dalle persone che erano presenti quel giorno in ospedale e che dunque hanno conoscenza diretta dei fatti». L’esposto ha ricostruito anche il «percorso» del video, partito da un sito locale di Trani e poi approdato (dopo 30 minuti) su quello di un tg nazionale: come se - ipotizza la Asl - qualcuno si sia occupato di diffonderlo puntando a ottenerne la massima diffusione. Se il roditore fosse finto, in base all’esposto l’ipotesi di reato sarebbe il procurato allarme, mentre se fosse vero si tratterebbe di un attentato alla salute pubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400