Sabato 25 Maggio 2019 | 19:28

NEWS DALLA SEZIONE

amministrative 2019
Riflettori puntati sui capoluoghia Bari sei candidati sindacoSfide a Foggia, Lecce e Potenza

Riflettori puntati sui capoluoghi:
a Bari sei candidati sindaco
Sfide a Foggia, Lecce e Potenza

 
Europee e amministrative
Elezioni

Elezioni, domenica si vota dalle 7 alle 23
Ecco come votare: occhio agli errori.
Comunali, in Puglia 67 nuovi sindaci

 
La crociata rossonera
Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

 
In largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
Un 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
No al concordato
Mercatone Uno, è fallimento: operai informati via whatspp

Mercatone Uno, è fallimento: negozi chiusi, operai «licenziati» via whatspp

 
Nel Tarantino
Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

 
Dalla Polizia
Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

 
L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Controlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
L'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Il delitto della 16enne

Omicidio Desiree a Roma, preso a Foggia il quarto uomo. Salvini: «E' un verme» 

La ragazza è stata trovata morta in un edificio abbandonato nel quartiere San Lorenzo. Il gambiano fermato aveva il permesso di soggiorno scaduto ed era in possesso di 10 chili di marijuana

Roma, 16enne uccisa: fermato gambiano a Foggia

È stato rintracciato il quarto uomo sospettato della morte di Desiree Mariottini, la ragazza di 16 anni trovata morta la scorsa settimana in un edificio abbandonato del quartiere San Lorenzo a Roma. Sarebbe un cittadino del Gambia ed è stato rintracciato a Foggia, in possesso di circa dieci chilogrammi di marijuana, di una pistola giocattolo, di metadone e di qualche grammo di hashish. All’arrivo delle forze dell’ordine si è barricato nella baracca che circonda il Cara - Centro richiedenti Asilo ed è stato necessario sfondare la porta per arrestarlo. La sua posizione è al vaglio degli inquirenti per capire il ruolo che ha avuto nella vicenda. L’uomo è stato bloccato vicino un insediamento abusivo a Borgo Mezzanone. Probabilmente stava cercando di scappare dall’Italia. Gli inquirenti lo hanno individuato seguendo le celle telefoniche del suo cellulare.

Secondo quanto si apprende da fonti investigative, l'uomo si chiama Yusif Salia, ghanese di 32 anni, al quale era stato rilasciato un titolo di soggiorno per motivi umanitari dalla questura di Napoli il 15 dicembre del 2012 che però risulta scaduto da gennaio 2014. Il 27 marzo scorso, sottolineano ancora la fonti, Salia era stato accompagnato dalla polizia all’ufficio immigrazione di Roma per essere identificato. E in quell'occasione era stato invitato ad andare alla questura di Napoli per regolarizzare la sua posizione.

Sono tre le persone fermate per il delitto della ragazza nelle scorse ore: due senegalesi, irregolari in Italia, uno dei quali aveva già ricevuto un provvedimento di espulsione, e un nigeriano, tutti con precedenti per spaccio di droga. Secondo un testimone, 'Desirée stava male e aveva attorno 7-8 persone. Le davano acqua per farla riprendere'. 'Ora voglio giustizia', dice la mamma.

SALVINI « È UN VERME, PER LUI CARCERE DURO» - «Catturato a Foggia il quarto verme che avrebbe stuprato e portato alla morte Desiree. Si tratta (guarda caso) di un immigrato clandestino. Per lui, come per gli altri tre, carcere duro e a casa!. Ringrazio la procura e le forze dell’ordine per la rapidità e l’efficacia». Così su twitter il ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta l'arresto del quarto uomo coinvolto nella morte della sedicenne di Cisterna di Latina, e invoca la castrazione chimica per gli stupratori.

LA CONFERENZA STAMPA DOPO L'ARRESTO - «Riteniamo che Yusif Salia sia arrivato nel Foggiano immediatamente dopo l’atroce delitto». Lo ha detto in conferenza il capo della squadra mobile di Foggia, Roberto Pititto, dopo il fermo del ganese per concorso nell’omicidio di Desirèe Mariotti. Gli inquirenti - a quanto si apprende - stanno ora accertando la presenza di eventuali complici che possano aver aiutato Salia nella breve latitanza. . Al momento dell’irruzione della polizia, il 32enne era solo nella baracca. "Stando alle informazioni in nostro possesso - ha detto Pititto - sappiano che il ganese ha soggiornato nel Cara di Borgo Mezzanone fino al 2014; successivamente si sarebbe spostato lungo la pista abusiva», una zona adiacente al Cara dove sorge la cosiddetta 'baraccopolì in cui vivono da tempo numerosi migranti che non hanno più titolo per essere ospitati nel Cara. "Salia ha inoltre - ha concluso Pititto - precedenti penali specifici in materia di sostanze stupefacenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400