Giovedì 20 Settembre 2018 | 22:23

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Estorsioni a imprenditori

Pizzo, chieste 4 condanne
nessuna vittima parte civile

Pizzo, chieste 4 condannenessuna vittima parte civile

Chieste 4 condanne per complessivi 38 anni e 3 mesi di reclusione nella tranche foggiana del processo «Corona» nei confronti di altrettanti foggiani accusati a vario titolo di mafia quali affiliati alla «Società foggiana», 5 estorsioni e tentativi di estorsione, armi, ricettazione di auto e assegni. Il pm della Dda Giuseppe Gatti dopo quasi due ore di requisitoria ha chiesto ai giudici della prima sezione penale del Tribunale di Foggia la condanna a 10 anni e 9 mesi di Alessandro Lanza , 38 anni, detto «Bussolotto», imputato di mafia e concorso in 2 tentativi di estorsione a costruttore e imprenditore aggravate dalla mafiosità; Massimiliano Cassitti, 41 anni, imputato di mafia, concorso in estorsione a un commerciante aggravata dalla mafiosità e ricettazione di assegni al casinò di Venezia; e Michele Carella, 75 anni, detto «Recchie longhe», accusato di mafia, concorso in estorsione a un costruttore aggravata dalla mafiosità, concorso in porto e detenzione illegale di una pistola e ricettazione di tre auto. Chiesti infine 6 anni per Pompeo Brattoli, 43 anni accusato di concorso in un tentativo di estorsione aggravato dalla mafiosità a 2 imprenditori edili.

I 4 imputati respingono le accuse: Cassitti e Lanza sono detenuti in cella per questa vicenda da ben 3 anni e 9 mesi, in quanto arrestati dai carabinieri del Ros di Bari il 16 luglio 2013 in occasione del blitz «Corona» con l’emissione di 23 ordinanze cautelari (17 in carcere, 6 ai domiciliari). L’inchiesta contava 78 indagati, per 38 fu chiesto il rinvio a giudizio con il procedimento divisosi poi in 5 processi. Quello a carico dei 4 foggiani (inizialmente erano 10, un imputato è morto nel dicembre 2015, la posizione di altri 5 è stata stralciata lo scorso dicembre) è cominciato nel settembre 2015.
Dopo la requisitoria del pm Gatti, cominciate le arringhe difensive. L’avvocato Carlo Mari ha chiesto l’assoluzione di Cassitti e Brattoli; si torna in aula a fine mese per le arringhe degli avvocati Leonardo De Matthaeis e Antonello Genua che chiederanno l’assoluzione di Lanza e Carella.

Il pm in requisitoria Gatti ha ripercorso la storia della «Società foggiana» nata negli anni Ottanta; e rimarcato che l’inchiesta «Corona» si inserisce in un lavoro investigativo-giudiziario partito negli anni Novanta e contrassegnato da una serie di processi che hanno sancito e confermato la mafiosità della criminalità organizzata del capoluogo: il maxi-processo Panunzio (sentenza della corte d’assise di Foggia del 29 luglio ‘94 con 21 assoluzioni e 47 condanne) che per la prima volta riconobbe la sussistenza del reato punito dall’articolo 416 bis del codice penale; il maxi-processo «Day before» sempre degli anni Novanta che fotografò il salto di qualità della «Società» grazie all’allenza con un boss della’ndrangheta; il processo «double edge» dei primi anni del nuovo secolo relativo alla guerra di mafia del ‘98/99 con 12 omicidi e 2 agguati falliti; l’inchiesta «Araba fenice» del maggio 2004 che colpì esponenti del clan Sinesi/Francavilla relativa alla più cruenta delle 7 guerre tra clan della storia foggiana, quella combattuta con i rivali dell’allora gruppo Trisciuoglio/Prencipe che tra luglio 2002 e ottobre 203 contò 14 omicidi e 4 agguati falliti; le inchieste «Big Bang» e «Cronos» contro presunti esponenti del clan Sinesi/Francavilla la prima e i rivali della batteria Moretti/Pellegrino la seconda, relativa alla guerra di mafia del 2007 nata per la spartizione del ricco affare del racket dei funerali e contrassegnata da un omicidio e 3 agguati falliti tra maggio e settembre.

E poi «Corona» (18 condanne non definitive in altre due tranche dell’inchiesta) che riguarda gli ultimi 15 anni di vita della «Società», visto che tra i 53 reati contestati dalla Dda nella richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di 38 imputati, ci sono episodi risalenti al 2001. L’inchiesta «Corona» ha confermato che è il pizzo l’affare principale della mafia che ricatta costruttori, commercianti, broker, imprenditori, concessionari d’auto e moto: pizzo pagato in contanti con tangenti un tantum e/o rate mensili; cedendo gratuitamente case da costruire; «regalando» auto e moto; garantendo posti di lavoro. A fronte di 19 vittime di estorsioni identificate nelle indagini (più un paio mai identificate, che pagassero il pizzo emerse dalle intercettazioni) una sola si è costituita parte civile nei vari processi: una testimone di giustizia che si è costituita contro l’ex marito, presunto capoclan, accusato in un’altra tranche processuale di tentata estorsione ai suoi danni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

San Pio, portato in processione il crocifisso delle stimmate

San Pio, portato in processione il crocifisso delle stimmate

 
Foggia, furti nelle campagne come il caporalato «Ora più controlli»

Foggia, furti nelle campagne come il caporalato «Ora più controlli»

 
Conte sul Gargano per l'anniversario della morte di San Pio: «Lui sempre con me»

Conte sul Gargano per celebrare San Pio: «Lui sempre con me»

 
«Invasi dalla puzza del Candelaro», agricoltori foggiani preoccupati: «Nessuno compra i nostri ortaggi»

«Invasi dalla puzza del Candelaro», agricoltori foggiani preoccupati: «Nessuno compra i nostri ortaggi»

 
Premi ai dirigenti, Corte dei Conti condanna Angiola

Premi ai dirigenti, Corte dei Conti condanna Angiola

 
S. Giovanni Rotondo, bomba carta contro casa campagna assessore Longo

S. Giovanni Rotondo, bomba carta contro casa di un assessore

 
polizia

Cerignola, sparano col Kalashnikov e si fanno consegnare 15mila euro

 
I lavoratori del 118 in «trappola»

Foggia, i lavoratori del 118 in «trappola»

 

GDM.TV

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 

PHOTONEWS