Lunedì 03 Ottobre 2022 | 12:53

In Puglia e Basilicata

SOS AMBIENTE

Baia dei campi a Vieste, vasta bonifica dei fondali marini

Baia dei campi a Vieste, vasta bonifica dei fondali marini

Una immagine della bonifica della Guardia Costiera

I militari della Guardia Costiera hanno recuperato due tonnellate di rifiuti per lo più plastici

18 Agosto 2022

I militari del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Guardia Costiera di Vieste, sotto il coordinamento del 6° Centro di Coordinamento Ambientale Marino (CCAM) della Direzione Marittima di Bari e unitamente a quelli del 1° Nucleo Subacquei della Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto, hanno appena portato a termine una complessa operazione di ricognizione dei fondali e di recupero di reti fantasma e «reste» abbandonati in località turistica Baia di Campi del Comune di Vieste. 

La grande operazione di bonifica dei fondali, organizzata dal Servizio Ambiente del Comune di Vieste, ha consentito al termine delle operazioni di recuperare un totale di circa 2 (due) per lo più plastici. Tutto il materiale plastico abbandonato nei predetti fondali, ormai divenuto rifiuto speciale, una volta recuperato sarà poi smaltito a cura dell’Ente Civico con la supervisione del locale Ufficio Circondariale Marittimo. 

L’importante attività di tutela dell’ambiente e degli organismi marini è stata svolta, oltre che dai subacquei del 1° Nucleo Subacquei della Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto, anche da una società di diving ingaggiata dal Comune di Vieste. Tutte le operazioni si sono svolte in sicurezza con il supporto delle motovedette e dei militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo ed è servita per mettere in atto quanto previsto dalla neo adottata legge che dal 25 giugno scorso disciplina la gestione dei rifiuti marini. 

L’iniziativa si riconduce anche alle finalità dell’operazione «Reti Fantasma», che vede la Guardia Costiera capofila, promossa anche in occasione della «Giornata Degli Oceani» e grazie alla quale dal 2019 ad oggi sono state ad oggi rimosse 36 tonnellate di reti da pesca abbandonate sui fondali marini, che rappresentano un danno concreto per l’ambiente marino ed un pericolo per la sicurezza di sub e bagnanti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725