Martedì 04 Ottobre 2022 | 12:20

In Puglia e Basilicata

Omicidio Cologno

L'agguato a Marina di Lesina: si cerca il movente nel mondo dello spaccio a San Severo

L'agguato a Marina di Lesina: si cerca il movente nel mondo dello spaccio a San Severo

Il luogo dell’agguato a Marina di Lesina

Gli investigatori non escludono alcuna ipotesi, ma quella che porta alla droga resta una delle piste più battute

17 Agosto 2022

Redazione Foggia

MARINA DI LESINA (FOGGIA) - In attesa di conoscere l’esito dell’autopsia e gli sviluppi dell’indagini (sono stati effettuati stub a pregiudicati della zona di San Sevbero e Alto Tavoliere) per l’agguato mortale al sanseverese Maurizio Cologno, ucciso venerdì scorso in un parcheggio a ridosso dei lidi di Marina di Lesina, proseguono le prese di posizione di forze politiche e sociali che chiedono maggiore attenzione nei confronti della Capitanata.

«L’ennesimo omicidio, questa volta consumatosi in una località turistica gremita di vacanzieri, alla vigilia di Ferragosto, in pieno giorno, ribadisce l’ennesimo concetto, ove ancora ad alcuni a Roma non fosse chiaro: la provincia di Foggia vive un’emergenza nazionale sul fronte criminalità. Servono misure di contrasto e contenimento eccezionali ed immediate», dichiara il consigliere regionale della Lega Puglia Joseph Splendido che aggiunge: “Condivido la richiesta di convocazione avanzata al nuovo Prefetto di Foggia dal nostro europarlamentare Massimo Casanova. Un evento criminale di questo tipo non può non costituire la classica goccia che fa traboccare il vaso della sopportazione e impone adeguata ed immediata reazione. I danni che ne derivano sono molteplici, sia in termini di percezione della sicurezza dei nostri concittadini e dei turisti che scelgono Marina di Lesina e la provincia di Foggia quale meta per le loro vacanze, sia per ciò che concerne il danno di immagine a livello nazionale e le ripercussioni economiche».

Per la consigliera regionale Cinquestelle nonché assessore al welfare della Regione Puglia, «lo Stato deve dare quelle risposte che chiediamo da tempo per una maggiore sicurezza sul territorio». «Serve un intervento deciso e serve adesso: non possiamo aspettare. Occorre un maggiore  presenza delle forze dell’ordine, che ringraziamo per l’immenso lavoro che svolgono, ma vanno potenziate. Continuiamo a chiedere l’istituzione a Foggia delle sezioni distaccate di Corte d'Appello, DDA e Tribunale per i minorenni e almeno un altro Tribunale nella provincia per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini. Quello che sta accadendo è di una gravità senza precedenti: servono provvedimenti urgenti», aggiunge la Barone.

«La lunga scia di sangue che sta macchiando la provincia di Foggia ormai con episodi dalla cadenza sempre più preoccupante, va fermata. La spavalderia con cui la criminalità ha portato a termine una missione di morte di sabato, a poche ore dal Ferragosto, in pieno giorno e a pochi metri da un lido balneare di una nota località turistica in cui d’estate si concentrano migliaia di persone, è il segno tangibile che la misura è colma e che il Ministro Lamorgese deve provvedere, immediatamente, a sanare tutte le carenze di uomini e mezzi che non permettono a nessun cittadino di Capitanata di sentirsi al sicuro», afferma il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giannicola De Leonardis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725