Venerdì 19 Agosto 2022 | 08:00

In Puglia e Basilicata

Criminalità

Foggia: agguato all’imprenditore, restano in carcere il boss e 5 gregari della «Società»

polizia

Il fermo effettuato dalla squadra mobile risale al 21 luglio scorso per tentato omicidio, possesso di armi, tentata estorsione e spaccio di droga, tutti reati aggravati dalla mafiosità

05 Agosto 2022

Redazione Foggia

FOGGIA - Restano in carcere il boss della Società foggiana Emiliano Francavilla e i 5 presunti complici Michele Ragno, Mario Lanza e il figlio Antonio Lanza, Giovanni Consalvo e Giuseppe Sonnino, fermati il 21 luglio scorso dalla squadra mobile per tentato omicidio, possesso di armi, tentata estorsione e spaccio di droga, tutti reati aggravati dalla mafiosità. I sei avrebbero progettato un agguato contro un imprenditore foggiano alle porte del casello autostradale di Foggia la sera del 26 giugno scorso; agguato poi sventato dalla squadra mobile, che era stato organizzato per riaffermare l’egemonia del clan Francavilla-Sinesi sul territorio e per «punire l’imprenditore» che avrebbe ricevuto dai Francavilla una ingente somma di denaro per reinvestirla senza poi restituirla.

La squadra mobile, indagando su omicidio di Roberto Russo compiuto il 21 marzo scorso a Foggia, attraverso intercettazioni, era venuta a conoscenza del piano e aveva scoperto il satellitare gps nascosto sull’auto della vittima installato dagli indagati per monitorare gli spostamenti e per stabilire il momento giusto per ucciderlo. Il Gip di Bari Antonella Carfagna ha accolto le richieste della Direzione distrettuale antimafia di Bari e firmato l’ordinaza cautelare bis notificata in cella ai sei foggiani, confermativa di quella già emessa il 25 luglio dal Gip di Foggia la cui efficacia sarebbe durata 20 giorni.

Inizialmente erano sette i decreti di fermo eseguiti il 21 luglio scorso dalla sezione criminalità organizzata della mobile della Questura di Foggia; uno degli indagati subito dopo il fermo aveva confessato davanti al pubblico ministero e poliziotti di aver piazzato sull’auto dell’imprenditore, suo datore di lavoro, il gps sostenendo di essere stato minacciato di morte da Francavilla e Ragno, ed era tornato libero.

Il Gip di Foggia Marialuisa Bencivenga aveva convalidato i fermi ma si era dichiarata incompetente vista la contestazione della mafiosità trasmettendo gli atti al collega di Bari che ha firmato l’ordinanza bis. Nelle prossime ore gli indagati saranno interrogati dal Gip. In occasione dei primi interrogatori davanti al Gip di Foggia alcuni si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ed altri si sono dichiarati innocenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725