Lunedì 27 Gennaio 2020 | 22:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
L'operazione
Banda di trafficanti sgominata nel casertano: c'è anche un foggiano

Banda di trafficanti sgominata nel casertano: c'è anche un foggiano

 
Il caso
Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

 
Per atti osceni
San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

 
L'operazione dei cc
Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

 
A Pietramontecorvino
Foggia, uomo picchia a sangue anziano padre, la mamma avverte i cc: «Aiutateci»

Foggia, picchiava a sangue i genitori anziani e la moglie: arrestato 47enne

 
L'incidente
Spari a Zapponeta, un uomo ferito a un piede da un proiettile

Spari a Zapponeta, un uomo ferito a un piede da un proiettile

 
La novità
Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

 
La tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
Attentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 25 mezzi azienda raccolta. Domani comitato di sicurezza

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

Il caso

Manfredonia, si allarga la protesta dei pescatori: barche ferme

Operatori sul piede di guerra: si cerca il coinvolgimento delle altre marinerie sulle tante questioni su cui si dibatte

Pesca, Coldiretti Puglia «Blocco in base alla specie»

FOGGIA - La protesta dei pescatori della marineria di Manfredonia alla quale si sono unite quelle di altre città rivierasche dell’Adriatico fino a Mola di Bari, non tende a risolversi, anzi si va inasprendo. Le motopesche sono rimaste agli ormeggi nei vari porti: e oggi protesta a Bari davanti alla sede della Regione. Sintomatico di tale stato la sortita a Temoli di una rappresentanza di pescatori pugliesi per convincere i colleghi molisani ad unirsi a loro per sostenere le rivendicazioni della categoria. «Stiamo cercando di unire tutte le marinerie», hanno spiegato. «Chiediamo la modifica delle normative sulla pesca, adatta a operatori del nord Europa, ma non per noi operatori dell’Adriatico dove il pescato è di piccola taglia e, di conseguenza, è fuori norma. Il risultato sono continue multe e verbali e tanta burocrazia. Così non possiamo più andare avanti».
«La marineria termolese – rivela una nota dei pescatori di Manfredonia – in un primo tempo ha aderito allo sciopero anche per protestare per il mancato arrivo degli indennizzi del fermo biologico relativi per gli armatori agli ultimi tre anni mentre per i pescatori a due annualità, ma poi, il giorno dopo si sono tirati indietro facendosi proteggere dalle forze dell’ordine e dalla Capitaneria di porto». Ci sono stati dei momenti di tensione poi rientrati. «Noi di Manfredonia – è detto nella nota – ci siamo presentati pacificamente spiegando che era opportuno che la categoria si presentasse la più numerosa e coesa per sostenere al meglio le richieste avanzate. Vorrà dire che proseguiremo ad oltranza da soli».

L’incubo dei pescatori pugliesi è costituito dai pattugliatori della Guardi costiera «che si concentrano o meglio si accaniscono – sostengono i pescatori – sulle barche pugliesi, appigliandosi ad ogni cavillo per rifilarci verbali con migliaia di euro di sanzioni. Così non possiamo andare avanti» ripetono.
I pescatori non sono rimasti con le mani in mano: delegazioni si sono recate a Roma e a Bari. Nella capitale hanno incontrato il sottosegretario alle politiche agricole Giuseppe Labbate, al quale hanno esposto le problematiche per le quali sono scesi in sciopero ancora una volta (lo fecero già per le medesime ragioni nel gennaio scorso) e che riconducono alle direttive europee ritenute non applicabili al mare Adriatico «dove – spiegano i pescatori – i pesci sono per lo più di piccola taglia e dunque fuori norma». Di qui verbali salatissimi. «Il sottosegretario ha preso appunti e ci farà sapere» è stato l’esito dell’incontro.

Stesso pellegrinaggio a Bari dove sono stati ricevuti dal direttore marittimo della Puglia, il contrammiraglio Giuseppe Meli, al quale hanno ripetuto le medesime doglianze ormai ben note anche al direttore Meli, ponendo l’accento sulla questione delle licenze di pesca penalizzate dai punti conseguenti alla elevazione dei verbali sulle infrazioni riscontrate nell’attività di pesca (come per le patenti automobilistiche).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie